Fonte: Ufficio Stampa Comune di Cesena

All’interno un itinerario sulla Valle del Savio

Il Touring Club Italiano presenta la nuova edizione della Guida Verde Emilia Romagna accendendo i riflettori sulle bellezze e le eccellenze della Valle del Savio, da Cesena fino a Verghereto, con una digressione montana verso il passo dei Mandrioli e le sorgenti del Tevere. Un viaggio sinuoso fra le colline ricoperte di viti e frutteti, in un paesaggio caratterizzato da formazioni marnoso-arenacee e stratificazioni di gesso, e con scorci di natura ancora selvaggia. Un territorio, peraltro, che già vanta ben due Bandiere Arancioni conferite dal Touring Club, ovvero i Comuni di Bagno di Romagna e di Sarsina.

“Con grande soddisfazione – commenta l’Assessore al Turismo dell’Unione dei Comuni Valle Savio e Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini – accogliamo questo importante strumento di promozione della Vallata del Savio, territorio verde e sostenibile interessato negli ultimi anni da una programmazione turistica che ha coinvolto pubblico e privato. Grazie a questa essenziale sinergia registriamo un incremento delle presenze: complessivamente infatti, nel corso della stagione 2022, abbiamo registrato 440.828 presenze superando le 429.475 del 2019. L’obiettivo è di confermare questi numeri e di raggiungere ulteriori risultati, grazie alla ricca programmazione di eventi che animeranno la Vallata per tutta l’estate e ai percorsi cicloturistici, sempre più richiesti. Il nostro territorio ha bisogno di ripartire – prosegue Baccini – lo facciamo anche dal punto di vista turistico ed economico, a vantaggio della popolazione, ma soprattutto delle tante realtà d’impresa che operano in questo settore”.

“Con più di 100 titoli in catalogo le Guide Verdi sono un osservatorio sul mondo che cambia – afferma Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano – e raccolgono conoscenze, esperienze, coordinate geografiche e culturali in continua espansione. Le Verdi nascono e continuano a vivere come libri, rispecchiando la cura e la passione di chi le scrive e le ritrae a beneficio della comunità dei viaggiatori che ne condividono gli intenti e contribuendo a modellare un immaginario sempre nuovo. Buon viaggio – conclude Iseppi – a questa nuova Guida Verde e a tutti i viaggiatori che andranno alla scoperta di questa regione che ha fatto dell’accoglienza un concetto esistenziale prima ancora che turistico”.

Bologna, Modena, Parma, Reggio, Ferrara, Ravenna e tanti altri gioielli urbani introducono alla striscia terracquea che unisce il Delta del Po e la Riviera romagnola, e agli ambienti più appartati dell’entroterra dove anche i ritmi sembrano antichi: i colli piacentini e le valli forlivesi, le Terre di Matilde, i luoghi verdiani, i crinali al confine con la Toscana. Tante le novità di questa nuova edizione: i racconti in chiaroscuro di Giorgio Falco, dialogo muto tra gli aironi del Delta e le raffinerie in disuso, la cattedrale e gli outlet di Fidenza, le spiagge fuori stagione e la grande fabbrica dell’intrattenimento. Tutti i segreti del tortellino: esperienze del gusto nella patria del buon mangiare, mescolando radici e sperimentazione. Il romanzo di Ferrara: nella città di Giorgio Bassani che ispirò Michelangelo Antonioni e ossessionò Luchino Visconti. Alla scoperta dell’ecosistema costiero nel Delta del Po: pinete, boschi igrofili, distese vallive, cordoni dunali dove sostano gli uccelli migratori. Da Bologna a Pavana, da Zocca a Correggio: nei luoghi della canzone d’autore sotto la guida di Riccardo Bertoncelli, storico del rock. E ancora trekking al Parco regionale della Vena del Gesso Romagnola, la più importante dorsale gessosa italiana, un itinerario della street art a Ravenna e, a Rimini, il paesaggio immaginario di Federico Fellini e il museo diffuso dedicato al maestro.