Da settembre, sarà possibile volare, quattro volte a settimana, da e per Palermo e da e per Katowice, città polacca, con offerte da 19,99€

Ieri, giovedì 21 luglio, Ryanair, la compagnia aerea numero uno in Europa e in Italia, ha annunciato il suo ritorno all’aeroporto ”Rodolfi” di Forlì a settembre, con due rotte operative su Palermo e su Katowice, città in Polonia, entrambe con quattro frequenze settimanali. 

Questi nuovi collegamenti aumenteranno la connettività di Bologna, di Forlì e della regione Emilia-Romagna, prolungando, inoltre, la stagione e consentendo ai turisti l’accesso a località nazionali e balneari, oltre a offrire ai cittadini emiliano-romagnoli più opzioni di viaggio in Italia e all’estero.

Affinché Ryanair possa garantire più posti di lavoro, crescita e ripresa in Italia, la compagnia aerea chiede, ancora una volta, al governo italiano, di eliminare la “tassa sul turismo”, addizionale comunale, su tutti i viaggi aerei dal 2022 al 2025.

Inoltre, per consentire ai clienti e ai visitatori da e per Forlì di prenotare il loro viaggio ai prezzi più bassi, la compagnia aerea irlandese, ha lanciato una promozione, per viaggiare da settembre a ottobre, con tariffe disponibili a partire da 19,99€.

Ray Kelliher, direttore dello sviluppo rotte di Ryanair, in merito all’attivazione delle due rotte nell’aeroporto di Forlì, ha dichiarato: “In qualità di compagnia aerea numero uno in Europa e in Italia, Ryanair è lieta di riprendere a volare dall’aeroporto di Forlì questo settembre, con due entusiasmanti rotte su Katowice e su Palermo che supporteranno la connettività di Bologna, di Forlì e della regione Emilia-Romagna. Ryanair non vede l’ora di incrementare la sua presenza nella regione Emilia-Romagna nelle prossime stagioni, con la consegna di 210 nuovissimi boeing 737 ‘gamechanger’ e darà priorità a questa crescita e connettività negli aeroporti in cui ha concordato partnership competitive a lungo termine. Per accelerare la ripresa del turismo, chiediamo al governo italiano di eliminare la ‘tassa sul turismo’c addizionale comunale, su tutti i viaggi aerei dal 2022 al 2025, che danneggia la competitività degli aeroporti italiani rispetto ai loro omologhi europei. L’abolizione di questa tassa faciliterebbe una rapida ripresa del traffico aereo italiano e dei posti di lavoro, grazie alle tariffe basse e al piano di crescita a lungo termine di Ryanair. Per consentire ai nostri clienti e visitatori da e per Forlì di prenotare il loro viaggio alla migliore tariffa possibile, stiamo lanciando una vendita di posti a sedere sui voli con tariffe disponibili a partire da 19,99€ per viaggiare da settembre a ottobre, che devono essere prenotate entro la mezzanotte di domani, sabato 23 luglio. Dal momento che queste incredibili tariffe basse saranno esaurite rapidamente, invitiamo i clienti a collegarsi al sito web della compagnia per evitare di perderle”, ha concluso Kelliher. 

Andrea Gilardi, business aviation director e board member dell’aeroporto di Forlì, invece, in merito all’arrivo di Ryanair nello scalo romagnolo, si è così espresso: “In questa occasione, ‘Forlì airport s.r.l., la società a capitale interamente privato, espressione dell’imprenditoria romagnola, che si è aggiudicata la concessione di gestione aeroportuale a seguito di gara europea, desidera ringraziare il management di Ryanair per la fiducia riposta e per le ampie prospettive di crescita sancite dalla sottoscrizione di un contratto commerciale di ampio respiro, che trova, peraltro, esecuzione in forma anticipata rispetto alle iniziali ipotesi di collaborazione. La ripresa delle operazioni con queste due rotte e con quelle che verranno decise di comune accordo nelle prossime settimane, è un tassello fondamentale per il rilancio dello scalo romagnolo e contribuisce, in maniera fondamentale, a restituire a Forlì il ruolo che si merita e che ha sempre avuto all’interno del sistema aeroportuale regionale. Con l’apertura delle rotte da e per Palermo e da e per Katowice, confermiamo la priorità di garantire, al nostro territorio, una gamma di destinazioni domestiche ed internazionali allineate alla vocazione, sia incoming che outgoing, della nostra area”, ha concluso Gilardi. Per maggiori informazioni, è necessario scrivere una mail o all’indirizzo [email protected], oppure all’indirizzo [email protected]