foto della partita

Si chiude con un pareggio, il quarto del girone di andata, lo scontro fra Macerata e Italposa Forlì

Obiettivi centrati anche se rimane l’amaro in bocca per l’occasione di gara 1 dove le romagnole cedono con il minimo scarto 1-0 per un episodio alla sesta ripresa che regala la vittoria alla padrone di casa.

In corsa per l’accesso alla final four di Coppa Italia alla vigilia era tre le squadre interessate, Forlì, Macerata e Pianoro, logicamente Forlì ha seguito la strada più tortuosa.Anche se in gara uno la solo valida per la classifica di coppa italia, (valgono solo le gare riservate alla lanciatrice) l’Italposa ne è uscita sconfitta e la contestuale vittoria del Pianoro sul Collecchio portava tre squadre Forlì, Pianoro e Macerata a pari vittorie in classifica, è così stato necessario ricorrere al TQB (calcolo fra i punti fatti e i punti subiti) fra le tre protagoniste per determinare che la squadra quarta classificata è risultata il Forlì, inoltre per completare il quadro la scorsa settimana è avvenuto da parte delle Federazione il sorteggio della sede dove disputare la Final Four e la sorte ha estratto la quarta classificata che a questo punto risulta essere il diamante del Polisportivo Buscherini casa dell’Italposa Forlì.

Tornando alle gare, Gara 1 ha visto una sfida fra lanciatori, Luconi per Macerata e Cacciamani per Forlì, le statistiche finali molto simili 5 le valide concesse a testa, 8 Strike out per Cacciamani contro i 5 di Luconi metre saranno 3 le basi ball concesse dalla marchigiana contro 1 per la forlivese. Come già in altre gare troppi i corridori rimasti sulle basi anche in questa gara l’Italposa lascia ben 9 corridori sulle basi.

Il punto della vittoria al sesto inning, Grifagno l’ex di turno batte un doppio, viene spinta in terza con una smorzata di sacrificio e poi su una palla non trattenuta dal ricevitore corre a casa il punto del vantaggio punto che diventerà punto della vittoria dopo l’ultimo attacco dell’Italposa dove non riesce a  concretizzare gli ennesi corridori sulle basi.

Gara 2 Barnhill in pedana per Forlì risulta intoccabile per le mazze avversarie anche in questa gara l’americana va in doppia cifra con gli strike out alla fine saranno 13 e solo 2 le battute valide concesse.  L’attacco dell’Italposa va subito a segno al primo inning Gasparotto in base ball segna sul doppio di Carlotta Onofri. Al terzo inning Forlì allunga con due corridori in base Cacciamani batte oltre la recinzione per tre punti che portano il parziale sul 0-4 per l’Italposa. Le forlivesi si ripetono all’inning successivo, 2 doppi Laghi e Spiotta, 1 singolo Cacciamani, e due basi ball permettono alle romagnole di mettere altri tre punti sul tabellone 0-7 il parziale. La quinta ripresa, che diventerà anche l’ultima vede altri due punti dei quali l’ultimo segnato dalla prima valida e dal primo RBI della giovane Rubano Ilaria. Barnhill in pedana chiude la gara con tre strike out consecutivi, fissando il punteggio sul 0-9 al 5° inning.

Il rammarico, come detto all’inizio, della sconfitta di gara 1 in ottica campionato, adesso la classifica generale vede tre squadre appaiate con 10 vittorie per due posti disponibili per la post season, rammarico in parte placato dalla soddisfazione di aver centrato, anche se non direttamente, la possibilità di partecipare alla final four di Coppa Italia che sarà disputata a Forlì il 22 giugno prossimo.

Nelle altre gare della giornata Caronno cede al Bollate nel derby della varesina, Pianoro non si lascia sfuggire l’occasione di agganciare i diretti avversari in classifica vincendo i due incontri contro il Collecchio, ed infine un passo avanti del Castelfranco che vince contro l’Old Parma allontanandosi dalla zona retrocessione diretta.