foto della missione umanitaria

La delegazione ravennate di Terzo mondo e l’associazione Cuore e Territorio in missione umanitaria

Charles Tchameni Tchienga, presidente Terzo mondo: “prendendo spunto dal rinnovato entusiasmo per la cooperazione internazionale grazie al viaggio in Africa intrapreso dal Presidente Sergio Mattarella, che conferma quanto il continente sia tornato al centro dell’interesse dell’Italia dopo anni di disattenzione,  l’associazione Terzo Mondo O.D.V. ha coinvolto l’associazione Cuore e Territorio, sua partner in diversi progetti internazionali, e postasi a capo della delegazione umanitaria, venerdì 5 aprile 2024 alle ore 11:00 a bordo di un aereo della compagnia Turkys Airline, è partita dall’aeroporto Bologna Marconi per un viaggio umanitario di 8 giorni in Camerun.

La delegazione ravennate è composta da Charles Tchameni Tchienga Presidente della onlus “Il Terzo ODV”; Giovanni Morgese, Presidente dell’associazione Cuore e Territorio E.T.S.; Pietro Renzi e Matteo Morgese entrambi comproprietari dell’azienda Pimagus Srl.”

La missione umanitaria, giunta all’aeroporto internazionale di Douala sabato 6 aprile, alle ore 24:00, è stata accolta dalla Dott.ssa Sidonie Aimée Njoya, responsabile della Cooperazione internazionale e degli affari sociali e culturali del Comune di Douala 5.

Se è vero che i viaggi umanitari sono cumulativi senza però mai essere uguali, è altrettanto certo che la differenza tra questo viaggio e quelli effettuati più volte nei paesi del terzo mondo, in particolare in Camerun, è che quest’ultimo è stato progettato sulla cooperazione internazionale tesa anche allo sviluppo economico per favorire il contributo al sociale delle aziende Camerunensi.  L’introduzione di scambi e concrete opportunità commerciali tra piccole e medie imprese italiane in particolare ravennate e Camerunense finalizzate alla creazione di un fondo da destinare ai meno abbienti per supportarli nelle spese mediche ospedaliere e non solo.

Orbene, auspichiamo una cooperazione internazionale per uno sviluppo win-win, sia per le imprese italiane per l’esportazione dell’alta tecnologia made in Italy, sia per gli operatori economici camerunensi e le popolazioni che ne beneficiano e tutto questo a sostegno dei bambini e bambine meno fortunati e delle famiglie vulnerabili del Camerun.

Un progetto serio, concreto ed ambizioso che in Camerun nella località di Douala 5 è partito già con l’adozione a 360° di un ospedale (CMA di Cité – Sic) e un orfanotrofio (Trinity Foundation International).

Prosegue Tchameni: “Vorrei sottolineare con gioia e orgoglio che questo viaggio umanitario incentrato sulla cooperazione internazionale allo sviluppo win-win è stato accolto con grande interesse ed entusiasmo da:

S.E. SÉBASTIEN FOUMANE, Ambasciatore del Camerun in Italia; S.E. FILIPPO SCAMMACCA DEL MURGO, Ambasciatore d’Italia in Camerun;

Sua Maestà GASTON GUEMEGNI Re del Villaggio Baleveng; Il Prefetto di Douala Dr. SYLYAC MARIE MVOGO; Il Sottoprefetto di Douala 5 Dr ANUAFOR CLETUS ASONGWE; Il Sindaco di Douala 5 Dr. RICHARD NFEUNGWANG e tutta la sua GIUNTA;  La sindaca della località di Yaoundé 6, Dr.ssa VIRGINIE SIMONE NGAH; Dr. ssa MACHE SYLVIE SOLANGE, Delegata dipartimentale per le PMI; Dr.ssa SIDONI AIMÉE NJOYA, responsabile della Cooperazione internazionale e degli affari sociali e culturali; Dr.ssa NZALIBEH ETOA Epse AFANE FOUMANE, Primaria del centro ospedale CMA di Cité – Sic a Fouala 5; Rev. YENGWAA ODETTE BONGYU, Presidentessa dell’orfanotrofio Trinity Foundation International; Il mondo dell’imprenditoria e sanitario e dalle popolazioni.”

Inoltre, questa missione umanitaria afferma il Presidente Giovanni Morgese di Cuore e Territorio è stato anche un momento per toccare con mano le opere realizzate con i bandi della Regione Emilia Romagna e i contributi economici dell’associazione Cuore e Territorio, in particolare per il pozzo d’acqua a Baleveng e per la formazione dei profughi interni del Nord-ovest e Sudovest del Camerun in fabbricazione di sapone liquido e solido e tintura dei tessuti. Un modo, anche se la serietà della associazione Terzo Mondo è già garanzia, per far toccar con mani ai tanti donatori Ravennati dove sono finiti i propri soldi. E diciamolo anche per sfatare le fake news messe in giro dalle persone scettiche che tendono a scoraggiare chi vuol essere cittadino del mondo aiutando senza barriere e frontiere.

L’occasione è gradita per ringraziare la Polizia del Camerun e la Polizia Locale del Comune di Douala 5 per l’accompagnamento in sicurezza durante tutto il periodo della nostra missione umanitaria.”

È ancora il presidente del Terzo mondo: “Rispetto alle materie prime, l’Africa è il continente più ricco al mondo.  Ha una molteplicità di opportunità commerciali da offrire al mondo e allo stesso tempo ha necessità delle nuove tecnologie, opportunità di lavoro per garantire salute e stabilità alle popolazioni. Solo un percorso di condivisione concreta in materia di cooperazione internazionale allo sviluppo win-win sia in grado di contrastare in maniera efficace e efficiente il fenomeno della migrazione clandestina sfruttato da uomini spietati. Poiché rimango convinto che ovunque si verifichi la cooperazione internazionale allo sviluppo win-win ne consegue lo sviluppo, la salute e la stabilità delle persone. “

La Pimagus con Matteo e Pietro: “Dopo ben 8 gioni di lunghi viaggi attraverso il triangolo Camerunense, torniamo a casa stanchi ma soddisfatti e pieni di speranze per una cooperazione duratura e un ponte con le società Camerunensi per progettare un sistema di assistenza sociale oggi totalmente assente in quella terra.”

Tchameni: “Un ringraziamento speciale va all’Italia e ai ravennati tutti rappresentati dai miei compagni di avventura; il Presidente di Cuore e Territorio Giovanni Morgese; Pietro Renzi e Matteo Morgese entrambi comproprietari dell’azienda Pimagus Srl, per questa grande ondata di solidarietà, scambio di tecnologia e opportunità win-win a sostegno alle popolazioni vulnerabili del Camerun.”

Conclude Morgese: “Per far parte del grande progetto di adozione dell’Ospedale e dell’orfanotrofio, sarà sufficiente donare piccole cifre versandole sul conto corrente intestato a Cuore e Territorio Iban IT02F0627013100CC0000027952

Causale *Camerun 2024*”

Segui il battito …