Foto di repertorio

L’iniziativa inizierà alle 19 di oggi, venerdì 22 luglio, e terminerà all’una di notte di domani, sabato 23 luglio, ed ha lo scopo di vivere e di conoscere l’attività degli agenti di più di venti comandi

Ancora più vicine ai cittadini, non solo nelle strade, ma anche sui social network. Dalle 19 di oggi, venerdì 22 luglio, fino all’una di notte di domani, sabato 23, le polizie locali dell’Emilia-Romagna si raccontano sul web, con l’ottavo appuntamento dell’iniziativa dal titolo “#PLdinotte”, la diretta social con cui, più di venti comandi, faranno vivere agli utenti di Facebook e di Twitter l’esperienza di un turno di notte degli agenti, tra le attività ordinarie come il controllo del territorio e i diversi servizi specialistici.

Sarà una narrazione partecipata, fatta di immagini, di video, di presentazioni del personale di Polizia locale e di spiegazioni dei loro compiti. A veicolarla, sia il profilo “PoliziaER”, curato dai servizi regionali, sia gli account dei singoli comandi, sia quelli personali delle agenti e degli agenti, attraverso la ricondivisione delle pagine istituzionali. 

Tra gli oltre venti comandi, da tutta l’Emilia-Romagna, che partecipano, oltre a quello dell’alto ferrarese, di Modena, della bassa Reggiana, di Busseto e di Soragna, delle terre d’Argine, di Frignano, di Bologna, della bassa Romagna, di Mirandola, delle terre di Castelli, di San Lazzaro, di Riccione, Misano e Coriano, di Cento, della Valnure e del Valchero, del Reno Galliera, di Castelfranco Emilia e dell’Unione comune modenesi area nord, anche il comando di polizia locale del Rubicone e il comando di Polizia locale di Cesena. 

Un’adesione importante, pari a circa la metà degli oltre quaranta comandi, che coprono un centinaio di comuni, attualmente attivi sui social. Uno degli obiettivi di “#PLdinotte”, infatti, oltre a quello principale di far conoscere meglio ai cittadini il lavoro della Polizia locale, è proprio quello di consolidare il concetto di rete tra comandi, sia dal punto di vista del coordinamento regionale che di quello del rafforzamento interno della coesione territoriale e dell’identità professionale. E, sempre in quest’ottica, ai colleghi emiliano-romagnoli si aggiungono anche, per la prima volta, due comandi da fuori regione. La Polizia locale di Como e la Polizia locale di Loano, infatti, amplificheranno anche in altre parti d’Italia la portata dell’iniziativa.

Inoltre, va ricordato come, attraverso i concorsi unici realizzati dalla regione dal 2020 a oggi, siano stati assunti più di 330 giovani under 35, un numero che equivale al 10% di tutti gli agenti presenti in Emilia-Romagna.

La Polizia locale in Emilia-Romagna

La Polizia locale dell’Emilia-Romagna, da Piacenza a Rimini, conta 91 comandi comunali e 41 comandi intercomunali, ossia unioni di comuni. Questo organo di sicurezza in regione conta quasi 4000 operatori, tra agenti e ufficiali, di cui 1.589 donne (pari al 40%) e 2.327 uomini (pari al 60%).

Nel 2021, gli agenti hanno fermato quasi 560.000 autoveicoli per controlli dei mezzi e dei conducenti, di cui 33.736 per alcool test; effettuato quasi 50.000 controlli a pubblici esercizi; recuperato circa 500 veicoli rubati; e, infine, risposto a 557.713 chiamate di assistenza alle centrali operative.

Quasi un quinto degli agenti è destinato in pianta stabile alla vigilanza nei quartieri e nelle frazioni, a cui si aggiungono quelli che si dedicano a mantenere i contatti coi gruppi di controllo di vicinato. Si tratta di uno dei fenomeni più innovativi degli ultimi anni, con la presenza di gruppi di cittadini, connessi tra loro e con la Polizia locale via WhatsApp, in 121 comuni, sui 330 totali dell’Emilia-Romagna.

Inoltre, i comandi di polizia locale dotati di defibrillatore e di personale abilitato all’uso in caso di cittadini vittima di arresto cardiaco sono 76, un numero in costante aumento