foto di repertorio shutterstock

L’Assessore al welfare Rosaria Tassinari: “Un passo importante per i nostri anziani che finalmente potranno rivedere i propri cari e condividere con essi momenti di atteso conforto”

Il Comune di Forlì fa proprio l’appello lanciato dall’Assessore regionale alla sanità, Raffaele Donini, per la riapertura delle CRA.
Con l’accelerazione della campagna vaccinale e l’immunizzazione delle fasce più fragili e quella degli operatori socio sanitari, dal prossimo 1° maggio potranno riprendere le visite dei familiari agli ospiti delle strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, nonché a quelle per disabili del territorio forlivese.

“Dal primo maggio, l’accesso ai familiari e visitatori sarà consentito nel rispetto dei protocolli anti-covid e secondo le indicazioni fornite dai gestori delle strutture. Dopo una lunga fase di restrizioni, volta a ridurre il rischio di contagio della popolazione più fragile esposta all’insorgere di complicanze legate alla malattia, la situazione, grazie ai vaccini, è in netto miglioramento. Raggiunta l’immunizzazione del personale socio sanitario e degli ospiti delle CRA ma anche quella, in buona parte, degli ultra sessantacinquenni e settantenni, la riapertura in sicurezza delle case di riposo non è più una chimera.”  

A darne notizia è l’Assessore al welfare Rosaria Tassinari che parla di “un passo importante per i nostri anziani che finalmente potranno rivedere i propri cari e condividere con essi momenti di atteso conforto. Naturalmente, spetterà alle singole strutture decidere nel merito del numero degli accessi e delle modalità di svolgimento delle visite, garantendo prima di tutto il rispetto dei protocolli anti-covid e la tutela della salute delle persone più fragili”.