Accolta la richiesta di archiviazione per i dipendenti IBC che timbravano il cartellino e poi si assentavano dal lavoro.

SOCIETA’ – Striscia la Notizia nell’Aprile dello scorso anno ha consegnato il Tapiro d’oro a Stefano Bonaccini in relazione all’assenteismo dei dipendenti IBC – Istituto per i Beni Culturali e naturali dell’Emilia Romagna. Il Presidente della Regione si era detto indignato per quanto visto e aveva immediatamente disposto “l’istituzione di collegi ispettivi straordinari per indagare su simili casi”. La sagace trasmissione aveva ripreso infatti dipendenti che strisciato il badge risultavano presenti al lavoro, mentre poi passavano “anche l’intera giornata al di fuori dell’IBC, tra fermate al bar, spesa al supermercato e giro nei negozi.”

 

Dopo un anno, l’indagine penale si è conclusa senza conseguenze a carico di 27 dipendenti indagati. Il GIP – Giudice per le Indagini Preliminari ha accolto infatti la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura in considerazione del fatto che la disciplina dell’orario di lavoro per i dipendenti consentiva “una flessibilità mensile nell’organizzazione del proprio lavoro” ragion per cui “non si può escludere con certezza che le assenze individuate non siano state poi recuperate durante altre giornate”.

 

L’assessore regionale alle risorse umane ha dichiarato che “L’archiviazione è una bella notizia per i dipendenti coinvolti e per l’ente” e che si valuterà la chiusura dei provvedimenti disciplinari il cui iter era stato sospeso, in attesa della conclusione delle indagini. Non c’alcun dubbio: in punto di diritto è certo che tutto quadra. C’è tuttavia da chiedersi se sia veramente una bella notizia per l’ente e per l’assessore alle risorse umane in particolare. Nelle more delle indagini un dipendente era stato infatti licenziato e due erano stati sospesi dal lavoro. A lume di naso: il licenziato e i sospesi dal lavoro potranno richiedere di essere risarciti dall’ente? Potrebbero aver subito anche un danno esistenziale?

Che dire poi del Presidente Bonaccini … dovrà restituire il Tapiro d’oro?  

 

Tomaso Tomai