Il Timisnar è uno studio multicentrico italiano che nasce dalla necessità di ottimizzare il trattamento del tumore del retto

Come riportato il 12 maggio 2021 su quotidianosanità, il responsabile principale dello studio è il Dottor Igor Monsellato, Chirurgo Generale dell’Azienda Ospedaliera SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria.

Riportiamo la nota di Ausl Romagna

“Nei Paesi occidentali il cancro del colon-retto rappresenta il secondo tumore maligno per incidenza dopo quello della mammella nella donna e il terzo dopo quello del polmone e della prostata nell’uomo. In Italia si stima che questo tumore colpisca circa 55.000 individui ogni anno. Negli ultimi anni si è assistito a un aumento delle diagnosi di questo tipo di tumori, ma anche a una contemporanea diminuzione della mortalità, attribuibile principalmente ai programmi di screening alla diagnosi precoce e al miglioramento delle terapie, sempre più mirate e personalizzate”.

“Il Timisnar è uno studio multicentrico italiano che nasce dalla necessità di ottimizzare il trattamento del tumore del retto e pone l’attenzione sul percorso diagnostico-terapeutico multidisciplinare del paziente affetto da questa malattia, che richiede un’elevata competenza clinica e l’integrazione di chirurgia, oncologia e radioterapia. L’obiettivo è studiare  la tempistica più efficace per eseguire la chirurgia con approccio mininvasivo (chirurgia laparoscopica o chirurgia robotica) dopo chemio-radioterapia neoadiuvante e prevede di arruolare un totale di 340 pazienti, divisi in due gruppi in relazione alla tempistica dell’intervento chirurgico, che può essere effettuato dopo 8 o dopo 12 settimane dal termine della chemioradioterapia, analizzando poi la percentuale di risposta completa del tumore ai trattamenti. Lo studio è attivo da circa 18 mesi e si avvale della partecipazione di 13 Ospedali tra Istituti di Cura e Ricerca (IRCCS) e Centri di Riferimento in Italia per il trattamento del tumore del retto e ha superato ad oggi l’arruolamento di più di 100 pazienti”.

“L’Unità Operativa di Chirurgia e Terapie oncologiche avanzate di Forlì, diretta dal professor Giorgio Ercolani è stata scelta appunto come uno dei pochi centri di riferimento per lo studio finalizzato ad ottimizzare il trattamento del tumore del colon retto. Gli sperimentatori locali – spiega il professor Ercolani – sono il sottoscritto, il professor Leonardo Solaini  e il professor Davide Cavaliere. Nel 2020 presso l’ospedale “Morgagni-Pierantoni” di Forlì sono state effettuate 30 resezioni anteriori di retto per cancro, di queste 10 sono state arruolate nello studio TIMISNAR. Delle trenta 19 sono state effettuate con tecnica robotica, 5 con tecnica laparoscopica e i rimanenti con tecnica open.  Tale casistica ci identifica sicuramente come un centro a medio – alto volume per patologia”.