Foto di repertorio shutterstock

L’infettivologo dell’Ausl Romagna Biagetti: “Adesso che le cose sembrano andar meglio non bisogna abbassare la guardia; è da ora in poi che occorre continuare a seguire le raccomandazioni anti-Covid e non tralasciare di igienizzarsi le mani costantemente”

Buon 5 maggio! Anche l’Azienda USL della Romagna celebra, come di consueto in questa data, la Giornata Mondiale dell’igiene delle Mani.

“Quest’anno, complice la pandemia da COVID – sottolinea il dottor Carlo Biagetti, infettivologo e responsabile del Programma per la ‘Gestione del rischio infettivo ed uso responsabile degli antibiotici’ dell’Ausl Romagna – abbiamo accesso un riflettore sull’importanza di questo gesto. La raccomandazione di igienizzare frequentemente le mani, assieme a mascherina e distanziamento sociale, si sono diffuse ampiamente non solo tra gli operatori sanitari, ma anche nella popolazione generale.

Ma la sfida comincia adesso!

Adesso che le cose sembrano andar meglio – prosegue Biagetti – non bisogna abbassare la guardia; è da ora in poi che occorre continuare a seguire le raccomandazioni anti-covid e non tralasciare  di igienizzarsi le mani costantemente. Nella frequentazione dei luoghi pubblici, nell’ambiente di lavoro, nei contatti con amici, parenti e conoscenti.

La sfida è aperta anche per noi operatori sanitari; nel corso della pandemia il consumo di gel idroalcolico negli ospedali è ovviamente molto aumentato, ma spetta anche a noi mantenere alta l’attenzione e rispettare questa fondamentale misura di prevenzione.  E’ compito nostro garantire la sicurezza dei pazienti ed evitare la trasmissione non solo del Sars-Cov2 ma anche di tutti gli altri microrganismi che si trasmettono per contatto. Igienizziamo le nostre mani, diffondiamo amore e non germi”