Foto di repertorio shutterstock

Cosa fare per richiedere l’attivazione del servizio di trasporto e come muoversi in caso di smarrimento della tessera elettorale

Esattamente tra una settimana, sabato 8 e domenica 9 giugno, anche i cesenati saranno chiamati alle urne per esprimere la propria preferenza rispetto alle elezioni amministrative (per eleggere il Sindaco e il Consiglio comunale) e alle europee (per eleggere i rappresentanti italiani nel Parlamento Europeo). Il corpo elettorale di Cesena è composto da79.693 cittadini votanti, di cui 38.603 uomini e 41.090 femmine. A questi, inoltre, si aggiungono 85 elettori comunitari per le liste elettorali aggiunte per il Parlamento Europeo, di cui 18 uomini e 67 donne, e 166 elettori comunitari per le liste elettorali aggiunte per le Comunali, di cui 44 uomini e 122 donne.

In questa consultazione elettorale votano per la prima volta 1570 ragazzi (814 maschi e 756 femmine), che hanno compiuto 18 anni dopo l’ultimo appuntamento elettorale. Dai più giovani ai più anziani: i votanti ultracentenari residenti in città sono 38 (33 femmine e 5 maschi). La decana dell’elettorato è  Maria Mingolla nata a Cesena il 23 giugno 1918.

Quando e dove si vota

Le 98 sezioni elettorali in funzione nel Comune di Cesena saranno aperte per il voto nella giornata di sabato 8 giugno, dalle ore 15:00 alle ore 23:00, e di domenica 9 giugno, dalle ore 7:00 alle ore 23:00. Lo scrutinio per l’elezione del Parlamento Europeo inizierà subito dopo la conclusione delle operazioni di voto, nella serata di domenica. Lo scrutinio delle elezioni comunali inizierà alle ore 14:00 di lunedì 10 giugno. Nella consultazione elettorale saranno impegnati 402 scrutatori, 103 presidenti e 98 segretari di seggio (comprendendo anche i 5 seggi speciali per la raccolta del voto nei luoghi di cura con più di 100 posti letto). L’eventuale ballottaggio si svolgerà il 23 e il 24 giugno 2024.

Cosa occorre per votare

Per votare è necessario presentarsi al seggio con la tessera elettorale (assolutamente indispensabile) e un documento d’identità, anche scaduto, purché la persona risulti riconoscibile. È accettata anche l’identificazione da parte del personale in servizio ai seggi o da persone conosciute dal personale dei seggi. Tranne i casi particolari tassativamente previsti dalla legge, l’elettore può votare nel seggio solo se risulta compreso nella lista elettorale a disposizione del presidente di seggio.

In caso di esaurimento degli spazi di voto, deterioramento, smarrimento o furto della tessera elettorale, per ottenere il rilascio di un duplicato, occorre rivolgersi allo Sportello Facile con un documento di riconoscimento (non è richiesta la denuncia, e può essere rilasciata a delegati). In vista delle prossime consultazioni questo ufficio, per garantire a chi ha smarrito la tessera elettorale di richiedere il duplicato, rimarrà aperto nei due giorni precedenti il voto (giovedì 6 e venerdì 7 giugno) dalle ore 8:00 ore 18:00, mentre nel giorno della votazione sarà aperto negli stessi orari di apertura dei seggi. L’Ufficio elettorale si trova presso lo Sportello Facile, in piazzetta Cesenati del 1377 (ingresso Rocca). Per gli elettori con disabilità non deambulanti è previsto un servizio di trasporto per consentire loro di raggiungere le sezioni elettorali. Per richiedere il servizio occorre compilare l’apposito modulo da far pervenire all’indirizzo elettorale@comune.cesena.fc.it oppure allo Sportello Facile del Comune entro le ore 13:00 di martedì 4 giugno 2024. Per tutte le informazioni contattare il 331 8757063 dalle ore 09:00 alle ore 12:00 e dalle ore 15:00 alle ore 19:00.

Preferenze: occhio al genere

Al momento di entrare nella cabina elettorale, gli elettori riceveranno due schede: una azzurra per le comunali e una marrone per le europee.

Per l’elezione di Sindaco e Consiglio comunale sono tre le modalità di voto possibili. Si può tracciare il segno solo sul simbolo di una lista (in questo modo si assegna la preferenza alla lista contrassegnata e, automaticamente, al candidato sindaco da quest’ultima appoggiato). Oppure, si può tracciare il segno solo sul nome del candidato sindaco (in questo caso si vota solo per il candidato Sindaco e non per la lista o le liste a lui collegate). Infine, c’è la possibilità del ‘voto disgiunto’, cioè si può esprimere il voto per un candidato sindaco e, al tempo stesso, mettere la croce sul simbolo di una lista non collegata. Ogni elettore può esprimere, nelle apposite righe affiancate al simbolo della lista, le preferenze per i candidati al Consiglio comunale. È possibile esprimere fino a 2 preferenze, purché date a candidati di sesso diverso (e naturalmente appartenenti alla stessa lista). In caso contrario, la seconda preferenza sarà annullata.

Per le elezioni europee è possibile invece esprimere da uno a tre voti di preferenza per candidati compresi nella lista votata. Nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda e della terza preferenza. Ad esempio, nel caso di due preferenze: donna-uomo o viceversa; nel caso di tre preferenze: donna-donna-uomo o viceversa; donna-uomo-donna o viceversa. Se si esprimono più preferenze per candidati tutti dello stesso sesso, vengono annullate le preferenze successive alla prima.

In caso di identità di cognome fra i candidati di una stessa lista deve scriversi sempre il nome ed il cognome giorni precedenti il voto (specificare) i dati delle votazioni in tempo reale. Questo vale sia per le elezioni amministrative che per le europee.

Anche quest’anno si potrà seguire l’andamento della consultazione elettorale per europee e comunali anche dal computer di casa. Basterà collegarsi al sito del Comune www.comune.cesena.fc.it, dove sarà predisposta una speciale sezione. In questa sezione, nelle giornate di voto e durante le operazioni di scrutinio saranno pubblicati i dati delle affluenze e i dati dello spoglio. Infatti, come è già avvenuto in occasione delle consultazioni elettorali degli ultimi anni, i risultati provenienti dalle varie sezioni saranno inseriti su internet man mano che arriveranno in Comune.