In foto Antonella Di Terlizzi

La psicoterapeuta Antonella Di Terlizzi si candida in lista con Fratelli D’Italia, sostenendo il candidato sindaco Marco Casali

Per lavoro, e per vocazione, si prende cura delle persone entrando con loro in relazione, ascoltandone i bisogni e aiutandole a costruire percorsi di vita più sani e funzionali. La psicoterapeuta Antonella Di Terlizzi – moglie e madre di due bambini, Pietro e Marta – è pronta a mettere a disposizione di Cesena la sua esperienza e a candidarsi in lista con Fratelli d’Italia alle elezioni amministrative dell’8-9 giugno, sostenendo il candidato sindaco Marco Casali.

“Sono una psicoterapeuta e lavoro come libero professionista da più di 20 anni e come formatrice di futuri psicoterapeuti – racconta la candidata – Il cuore del mio lavoro è la cura delle persone e delle loro relazioni significative. Ed è proprio questo concetto di cura e attenzione per il prossimo che mi spinge a candidarmi e a restituire a Cesena, che mi ha accolto e dato tanto, la mia esperienza. E’ una sfida che intraprendo con lo spirito di contribuire al benessere della nostra comunità, con la volontà di perseguire il bene del territorio e con l’obiettivo di accrescere e potenziare risorse, valori e qualità. In città non mancano – rimarca Di Terlizzi – ma serve un coinvolgimento diverso, così come un ascolto dei cittadini concreto e fattivo. Proprio come quello messo in campo dal nostro candidato sindaco Marco Casali. Un approccio che, su un piano diverso, vedo anche in Stefano Cavedagna, candidato di Fratelli d’Italia al Parlamento Europeo a cui andrà il mio sostegno”.

“La sensibilità e l’esperienza di Antonella Di Terlizzi saranno preziose in questa campagna elettorale e per il futuro di Cesena – interviene Alice Buonguerrieri, deputato e presidente di FdI Forlì-Cesena – Il suo impegno con FdI porta un contributo importante e rafforza la squadra che sta accompagnando Marco Casali verso l’appuntamento con le urne dell’8-9 giugno e che saprà dare ai cesenati una valida alternativa dopo decenni di amministrazioni di sinistra”.