L’attacco a Salvini e l’intervento a sostegno del candidato sindaco Giorgio Calderoni

La serata del segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti a Forlì a sostegno di  Giorgio Calderoni, candidato sindaco della coalizione di centro-sinistra, è iniziata rievocando il comizio della settimana scorsa di Matteo Salvini che tnate polemiche ha suscitato. Sul palco con Zingaretti la segretaria territoriale Valentina Ancarani, il primo cittadino uscente Davide Drei e i candidati sindaci del territorio. 

Oltre 2mila persone lo attendevano tra bandiere Pd, Europa, Pace e Pse. Parlando del gesto di Salvini, Zingaretti ha detto: “Qui abbiamo visto un ministro della Repubblica fare un comizio dal balcone dove si affacciava Mussolini. Lo fa perché non ha idee sul futuro e quindi guarda indietro. Noi vogliamo costruire un’alternativa fatta di lavoro, scuola, investimenti, diritti e sostenibilità perché dobbiamo salvare l’Italia”.

Come riportato anche dalle cronache locali, Zingaretti ha parlato di voler dare priorità al Paese e ai suoi interessigli interessi di aprtito vengono dopo. Ha parlato di Europa, “solo con un’Europa diversa possiamo mettere in campo un piano straordinario di opere pubbliche verso la sostenibilità ambientale e dare lavoro”. 

Infine il sostegno al candidato Calderoni: ”Dobbiamo batterci per Forlì, perché il primo livello della vita quando si ha un bisogno è la famiglia e il secondo è la città: la differenza la fa una comunità governata bene. Saranno anno duri, ma noi dovremo eleggere Giorgio per difendere la vostra città, dal rischio di un degrado di dove le città sono governare male”.