Foto di repertorio shutterstock

Sulla costa preoccupa l’altezza dell’onda che potrebbe causare fenomeni erosivi

A partire dalle prime ore del mattino di martedì 6 aprile si prevede un’intensificazione repentina del vento di bora, al livello di burrasca forte sul mare e lungo la fascia costiera, moderato altrove ma con raffiche forti sull’Appennino. Il mare diventerà agitato. La ventilazione si attenuerà dal primo pomeriggio.

Si prevedono nevicate sui rilievi al di sopra dei 400/500 metri, di debole intensità, temporaneamente moderata, sull’Appennino romagnolo. Si prevede inoltre che l’altezza dell’onda possa raggiungere valori prossimi alla soglia, non potendosi escludere fenomeni erosivi lungo la costa.

Dalla mezzanotte tra oggi, lunedì 5 aprile, e domani, martedì 6, fino a quella successiva, sarà attiva ’allerta meteo numero 39, emessa dall’Agenzia regionale di protezione civile e da Arpae Emilia-Romagna, arancione per vento e stato del mare, gialla per criticità costiera.

L’allerta completa si può consultare sul portale Allerta meteo Emilia-Romagna (https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it/) e anche attraverso twitter (@AllertaMeteoRER); sul portale sono presenti anche molti altri materiali di approfondimento, tra i quali le indicazioni su cosa fare prima, durante e dopo le allerte meteo, nella sezione “Informati e preparati” (http://bit.ly/allerte-meteo-cosa-fare).