Protocollo d'intesa tra il Comando Provinciale di Forlì-Cesena della Guardia di Finanza e l'Avis Comunale di Cesena

I finanzieri donano il sangue e siglano un altro accordo con l’Avis di Cesena

Le Fiamme Gialle di Forlì-Cesena hanno risposto con grande partecipazione all’iniziativa di sensibilizzazione promossa dal locale Comando Provinciale per rafforzare la cultura del volontariato e la diffusione della donazione del sangue.

I Finanzieri-donatori in servizio presso i Reparti della provincia, ai quali si sono aggiunte anche alcune Fiamme Gialle in congedo, in questi giorni, infatti, si sono dati appuntamento presso i punti di raccolta sangue dislocati sul territorio per l’importante gesto di solidarietà.

La relativa campagna di sostegno – che si colloca tra gli eventi organizzati dal Comando Provinciale per celebrare il 250° Anniversario di Fondazione della Guardia di Finanza – rappresenta un segno tangibile che va oltre la missione istituzionale del Corpo, toccando la salute dei cittadini e ponendosi nel solco dei più profondi valori solidaristici del Corpo.

A Forlì, poi, coincide anche con un altro anniversario.

La raccolta di sangue ed emocomponenti rientra, infatti, nelle iniziative del “Protocollo d’Intesa” sottoscritto esattamente un anno fa – proprio nel giugno del 2023 – tra il Comando Provinciale della Guardia di Finanza e l’AVIS Comunale di Forlì.

In questi ultimi dodici mesi i donatori delle Fiamme Gialle, che rappresentano oltre il 16% dei militari in servizio, hanno dato ulteriore prova del loro altruismo e della loro generosità, facendo crescere ancora il già importante numero di donazioni dell’anno precedente.

E per rafforzare e completare sull’intero territorio provinciale questa importante sinergia, il Comando Provinciale ha sottoscritto oggi un analogo accordo con l’AVIS Comunale di Cesena, allo scopo di dare piena attuazione alla campagna informativa già intrapresa un anno fa per divulgare la cultura della donazione di sangue e degli emocomponenti sia in ambito lavorativo che a casa.

L’intesa – che ha una durata di tre anni, con possibilità di rinnovo – è stata firmata questa mattina presso la sede provinciale di Forlì dal Presidente dell’AVIS di Cesena, Gualtiero Giunchi, e dal Comandante Provinciale delle Fiamme Gialle, Col. Vito Pulieri.

Dal canto suo, l’AVIS di Cesena, così come quella di Forlì, assicurerà la propria collaborazione per le attività di sensibilizzazione e promozione della donazione volontaria non remunerata di sangue ed emocomponenti, garantendo, altresì, il proprio supporto tecnico e logistico in occasione di eventuali raccolte.

Di comune accordo, inoltre, Finanzieri e Volontari dell’AVIS organizzeranno iniziative utili alla formazione dei rispettivi operatori, anche mediante scambi di esperienze e realizzazione di specifici corsi.

Il Comandante Provinciale di Forlì, Col. Vito Pulieri, nel compiacersi per la grande generosità dimostrata dai propri uomini e donne, ha evidenziato come la donazione rappresenti un atto di gratuità per lo sviluppo e l’affermazione della cultura della solidarietà, un gesto di altruismo che deve diventare routine, perché il “sangue serve, sempre e a tutti”.

I Presidenti dell’AVIS di Forlì e di Cesena, Malaguti e Giunchi, nel manifestare soddisfazione e profonda riconoscenza, hanno ringraziato la Guardia di Finanza per la sensibilità dimostrata nelle varie occasioni di raccolta e, in particolare, in quelle di questi giorni che, peraltro, precedono la Giornata mondiale del donatore di sangue, che si celebra il prossimo 14 giugno e che costituisce un momento importante per ricordare come con un piccolo gesto di solidarietà si possono salvare in concreto tante vite.

Giunchi e Malaguti hanno ricordato come ogni giorno il sangue e gli emocomponenti siano un’esigenza prioritaria nelle strutture ospedaliere per gli interventi di primo soccorso, per quelli chirurgici e, soprattutto, per curare le malattie di pazienti onco-ematologici, le cui trasfusioni sono essenziali per superare la fase iniziale della malattia.