in foto Luca Restivo

Al centro del racconto tragicomico, un immaginario giorno “di guerra” tra la Terra della libertà e l’Italia

Sabato 13 Aprile alle ore 19 presso Diagonal Loft Club in via Livio Salinatore 101 a Forlì Luca Restivo presenta il suo romanzo San Marino Goodbye (Blackie Edizioni) in compagnia di Corrado Ravaioli. Restivo è nato a Castel San Pietro (BO) e vive a Milano. Autore televisivo (La7, Rai e Sky) e teatrale («Salutava sempre» con Alessandro Cattelan), conduce «CATER XL» su Rai Radio 2.

San Marino Goodbye è il romanzo d’esordio di Luca Restivo ed è una commedia con tratti satirici che racconta di un giorno di “guerra” tra San Marino e l’Italia.  La trama del romanzo vede contrapposti uno zelante e preciso doganiere sammarinese che tiene oltre confine quattro italiani uno più cialtrone dell’altro che per diverse ragioni devono per forza in quella giornata entrare nel piccolo Stato. Attorno a loro si muovono poi altri personaggi – da un ministro degli esteri in crisi di nervi a una giornalista cinica e arrivista, da crudeli pubblicitari milanesi fino a “agenti provocatori” stranieri – in una commedia corale che vuole raccontare il presente, le nostre paure e le nostre manie con il pretesto di una guerra tra piccolo Stato e uno Stato piccolo.

“Con San Marino Goodbye – spiega Restivo – ho voluto raccontare come l’identità e i nazionalismi stiano diventando l’unico modo per raccontarci e definirci come comunità, privilegiando la chiusura rispetto all’apertura agli altri, mitizzando il passato e temendo il futuro”.  “Da secoli il confine tra l’Italia e San Marino viene attraversato da migliaia di persone da una parte e dall’altra: immaginarlo chiuso e protetto da zelanti doganieri mi è sembrata una metafora efficace per molte dinamiche a cui stiamo assistendo in questi anni”.  “Ho voluto raccontare – spiega ancora l’autore – un “cosa succederebbe se…” molto verosimile, prendendo spunto da veri eventi della recente storia sammarinese (come i fatti di Rovereta, un piccolissimo incidente negli anni 50 che poteva scatenare una vera guerra) fino a storie incredibili più recenti che vanno da Eugenio Montale all’Eurovision”.

Ingresso libero senza prenotazione fino a esaurimento posti.