(Foto di repertorio)

Sabato 13 aprile, l’Accademia Artusiana incontrerà Michele Tanno per una riscoperta di quei prodotti tradizionali e antichi sulle nostre tavole

I sapori della terra e l’esperienza del gusto trasformano il cibo in opportunità e conoscenza.

L’impegno di Accademia Artusiana, associazione di appassionati romagnoli di cultura enogastronomica, già da anni si è allargato oltre i territori del libro di ricette italiano più popolare di sempre, La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene scritto da Pellegrino Artusi e pubblicato nel 1891. La preziosa collaborazione con l’associazione Patriarchi della Natura, che diffonde informazione e bellezza sulla salute del pianeta partendo dall’antico racconto degli alberi monumentali d’Italia, è capace di creare occasioni uniche di incontro, amicizia e valorizzazione delle più pregiate materie prime alimentari del nostro Paese.

ROMAGNA CHIAMA MOLISE

Procedendo quindi in un percorso già avviato da tempo, l’Accademia Artusiana sabato 13 aprile alle ore 12 dà appuntamento a tutti nella Sala del Consiglio del Comune di Forlimpopoli, che ha concesso il proprio patrocinio all’iniziativa, dentro la Rocca Albornoziana, per un incontro esclusivo con Michele Tanno, presidente dell’associazione Arca Sannita.

«Sarà l’occasione per una riscoperta straordinaria di quei prodotti antichi e tradizionali che rischiavano di scomparire e che invece la tutela della biodiversità alimentare riesce oggi a trasformare in cibo eccellente sulle nostre tavole» spiega Maurizio Artusi, presidente di Accademia Artusiana.

«Grazie al recupero di piante e semi, alla nostra formazione per coltivare orti e frutteti, fino ai corsi per la corretta potatura degli ulivi, siamo ora in grado di proporre menù di qualità che trasformano la riscoperta di varietà pregiate in piatti della cucina italiana e molisana» racconta Michele Tanno di Arca Sannita.

IL MOLISE SERVITO A CASA ARTUSI

Ed è così che, dopo la conferenza su biodiversità e recupero di grano e mais antichi, e dopo i saluti dell’Amministrazione comunale di Forlimpopoli, i soci di Accademia Artusiana e Patriarchi della Natura potranno gustare al Ristorante Casa Artusi i veri sapori del Molise selezionati specificatamente per questo pranzo e cucinati da Melina De Paola detta Melina Tanno, da oltre vent’anni Ambasciatrice Molisana del Gusto.

«Io non sono una chef, sono un’artigiana della cucina, esattamente secondo la lezione di Pellegrino Artusi. Evitando i procedimenti delle grandi industrie e aggiornando la tradizione della cucina contadina, cucinerò in Romagna il sapore autentico della mia regione di appartenenza, quel Molise che spesso è davvero capace di stupire» dice Melina Tanno, volto noto anche delle principali trasmissioni televisive di cucina italiana (da È sempre Mezzogiorno di Antonella Clerici, ai collegamenti con La vita in diretta sempre su Rai1).

«Il Molise è una regione molto piccola eppure così ricca di biodiversità. La tutela delle varietà fruttifere, il rispetto di tutte le razze animali, la riscoperta dei procedimenti storici per la produzione di salumi e formaggi dovrebbero essere un patrimonio comune» chiude Sergio Guidi, presidente di Patriarchi della Natura. «Ma questa missione di salvataggio è possibile solo fuori dalla musealizzazione: cibo, cultura e buone pratiche si salvano solo quando sono sempre disponibili, e fatti conoscere a più persone possibili. Con Arca Sannita e Accademia Artusiana, dal Molise alla Romagna, siamo sulla strada giusta».