foto di repertorio shutterstock

Spazio al mondo contadino e agricolo nella zona di piazza Garibaldi

Come da tradizione, a Santa Sofia c’è grande attesa per la Fiera del Lunedì dell’Angelo, evento che richiama da sempre un grande numero di visitatori. Storicamente, il lunedì di Pasquetta si svolgeva a Santa Sofia una fiera in gran parte dedicata al mercato del bestiame, a cui partecipavano le famiglie provenienti dal paese e dalle campagne circostanti.

Dal 2018, l’Amministrazione comunale ha deciso di dedicare un’area della festa al mondo contadino e agricolo, su cui per decenni si è basata la sussistenza di numerose famiglie santasofiesi.

Anche per lunedì 1 aprile, in piazza Mortani si svolgerà un’esposizione zootecnica con bovini, ovini, conigli ed equini, in collaborazione con l’Associazione Regionale Allevatori dell’Emilia Romagna. Nella vicina via Pisacane esposizione di prodotti tipici e dell’artigianato con Coldiretti – Campagna Amica ed esposizione di creativi e artigiani. In piazza Garibaldi lo spazio allestito a cura di Slow Food propone una piccola ma varia selezione di specialità gastronomiche mentre l’intrattenimento musicale è a cura della banda “C. Roveroni” di santa Sofia, che nel pomeriggio si esibirà in maniera itinerante in tutto il paese, attraversando anche il grande mercato ambulante di piazza Matteotti, via Martiri della Libertà e via Marconi.

“La fiera del Lunedì dell’Angelo ha sempre richiamato visitatori a Santa Sofia – ricorda l’assessora al Turismo Ilaria Marianini – e siamo orgogliosi di avere recuperato anche le tradizioni del mondo agricolo e contadino. Ovviamente la manifestazione è frutto del lavoro condiviso, quindi rivolgo un ringraziamento a chi ha collaborato con il Comune per la realizzazione dell’evento: ARA, Coldiretti e Slow Food Condotta di Forlì – Alto Appennino Forlivese, il Corpo Bandistico Roveroni oltre a tutti gli uffici che hanno lavorato all’organizzazione della giornata.”

“La fiera del Lunedì dell’Angelo ha sempre richiamato visitatori a Santa Sofia – ricorda l’assessora al Turismo Ilaria Marianini – e siamo orgogliosi di avere recuperato anche le tradizioni del mondo agricolo e contadino. Ovviamente la manifestazione è frutto del lavoro condiviso, quindi rivolgo un ringraziamento a chi ha collaborato con il Comune per la realizzazione dell’evento: ARA, Coldiretti e Slow Food Condotta di Forlì – Alto Appennino Forlivese, il Corpo Bandistico Roveroni oltre a tutti gli uffici che hanno lavorato all’organizzazione della giornata.”