Fonte: Ufficio Stampa Comune di Santa Sofia

Dall’11 al 15 agosto

La 32^ edizione del Festival “Di strada in strada”, organizzato da Pro Loco Santa Sofia e RIAS, è ai nastri di partenza: dall’11 al 15 agosto, infatti, il paese si riempirà di artisti provenienti da tutto il mondo, professionisti di altissimo livello che proporranno performance di equilibrismo, illusionismo, clownerie, circo, teatro, danza, pantomima e musica di ogni genere.

“Il festival Di strada in Strada è senza dubbio l’evento di punta dell’estate santasofiese – commenta il Sindaco di Santa Sofia Daniele Valbonesi. Richiama migliaia di persone che si fermano a Santa Sofia per diversi giorni, garantendo una boccata d’ossigeno all’economia di tutto il territorio.” Il festival, infatti, vede la presenza degli artisti non solo a Santa Sofia – dove gli spettacoli si concentrano dal 13 al 15 agosto, ma anche a Spinello, l’11 agosto, e a Corniolo, il 12 agosto.

“Tutto il circondario diventa un palcoscenico a cielo aperto, il pubblico apprezza ogni location anche grazie all’abilità degli organizzatori, che sanno creare un connubio unico tra gli spettacoli e le piazze che li ospitano – precisa l’assessora al turismo Ilaria Marianini. Insomma, a Santa Sofia tutto è pronto, le strade sono percorribili, le strutture ricettive sono operative, c’è tanta voglia di trascorrere serate di festa, godendo di show divertenti e mai banali, adatti ad un pubblico senza età. Inoltre, ricordo sempre che oltre al festival abbiamo luoghi bellissimi da visitare come il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna o la Diga di Ridracoli.”

Il programma del festival è ricco e, in questo 2023, è dedicato alle “Innovative tradizioni”, una sinergia tra passato e futuro con decine e decine di artisti che spaziano dal teatro di strada alle clownerie, dalla musica tribale a quella popolare, dall’illusionismo all’equilibrismo.

“Un gradito ritorno, in tema di tradizione, è quello dei Dekru, mimi Ucraini che già in passato si sono esibiti a Santa Sofia – sottolinea l’assessora alla cultura Isabel Guidi – e che sono tornati per un progetto speciale finanziato dal PNRR nell’ambito del bando Attrattività dei Borghi. La compagnia è a Santa Sofia già da alcuni giorni e sta tenendo un workshop di teatro fisico, gratuito e rivolto a ragazzi e adulti, finalizzato ad offrire una panoramica sull’arte del mimo.”

Ogni sera, poi, i Dekru eseguono le prove del loro nuovo spettacolo al Parco della Resistenza, aprendo al pubblico la possibilità di vedere come nasce lo spettacolo che verrà presentato il 14 agosto nell’ambito del Festival.

“Trentadue anni ininterrotti di festival sono stati possibili grazie al lavoro sinergico del nostro consiglio della Proloco e di tutti i nostri volontari che si sono dotati di una struttura organizzativa solida, volta non solo a realizzare una festa gradita ad un pubblico sempre più ampio, ma a sapere trovare anche il giusto sostegno a livello economico – puntualizza Alberto Domeniconi, Presidente Pro Loco Santa Sofia. Grazie anche al supporto della Regione Emilia-Romagna e del Ministero della Cultura, siamo infatti entrati nel circuito FUS, che hanno creduto e contribuito alla crescita del festival, con la convinzione che gli investimenti culturali siano vera linfa per le comunità che animano le aree più distanti dai centri urbani.”