Foto di repertorio shutterstock

La rassegna si snoderà fra i mesi di luglio e agosto 2021 all’Arena Parco della Resistenza di Santa Sofia

Lunedì 12 luglio, primo appuntamento con il jazz a Santa Sofia: prenderà avvio, infatti, il “Summer jazz fest”,  terzo progetto estivo dell’Associazione dai de jazz, una rassegna che si snoderà fra i mesi di luglio e agosto 2021 all’Arena Parco della Resistenza di Santa Sofia, col patrocinio e contributo del Comune stesso.

Lunedì 12 luglio alle ore 21.15 il festival sarà inaugurato da un concerto dedicato a KIND OF BLUE. Genesi del capolavoro di Miles Davis, il primo di quattro importanti appuntamenti. Si tratta di un progetto che vuole sondare le tracce di questa pietra miliare del jazz moderno. Emiliano Pintori al piano e Guglielmo Pagnozzi, sax contralto, musicisti che operano nell’area bolognese, fucina di veri talenti, assieme a Diego Frabetti, tromba, Filippo Cassanelli, contrabbasso, Andrea Grillini, batteria, sono i veri e propri interpreti delle partiture di questo capolavoro di Davis, architetti di una costruzione nata da ricerca, studio appassionato, ascolto, creatività. La musica sarà arricchita dalla narrazione e dalla proiezione di video originali.

Domenica 1 agosto alle ore 21.15 salirà sul palco dell’Arena il Flavio Boltro Quartet feat. Stefano Bedetti a dar corpo a GO ON, con Boltro alla tromba, Bedetti al sax tenore, Yazan Grezelin all’hammond e Matteo Frigerio alla batteria. Flavio Boltro, alla guida di questo quartetto, è uno dei più influenti trombettisti contemporanei e divide la sua attività tra Italia e Francia. Fra le numerose collaborazioni internazionali è da ricordare quella con Michel Petrucciani, condivisa assieme al suo compagno d’avventure Stefano Di Battista, con cui ha un quintetto stabile. La sua tromba è caratterizzata da una brillante e vorticosa sapienza tecnico-espressiva che dà forma a un fraseggio personale e riconoscibile. Stefano Bedetti col suono corposo e la creatività avvolgente del suo sax tenore divide la sua esperienza musicale fra New York, con Billy Hart, Victor Lewis, Geoge Cables, e l’Italia.

Domenica 7 agosto alle ore 21.15, nell’unica data che si terrà nella Chiesa di S. Pietro al Corniolo, il duo composto da Sara Jane Ghiotti, voce, raffinata interprete, oltre che arrangiatrice e direttore di coro e orchestra, e Giacomo Rotatori, fisarmonica, in continua ricerca fra classica, jazz, musica d’autore, inanellerà un percorso dedicato alla musica francese, Sous le ciel de Paris, sulle tracce di Edith Piaf e degli altri grandi interpreti e autori francesi.

Venerdì 27 agosto alle ore 21.15 a concludere la rassegna all’Arena Parco della Resistenza andrà in scena il concerto/racconto VIVA #DE ANDRE’, da un’idea di Luigi Viva, socio fondatore della Fondazione De André e autore di Non Per un dio ma nemmeno per Gioco – Vita di Fabrizio De André (Feltrinelli) e di Falegname di Parole – Le Canzoni e la musica di Fabrizio De André. La forma di questo evento, con arrangiamenti e direzione musicale di Luigi Masciari, si fonda su un gioco di assenza/presenza. La voce politica, l’impegno civile di De Andrè, ancor oggi vivi e presenti nella sua opera, si specchiano nell’assenza della sua voce, nel non poterlo più sentir cantare fisicamente per noi. La narrazione attraverserà le fasi cruciali della sua vita, dalla passione per il jazz, suonato in gioventù, a Georges Brassens, in un percorso che vuole mettere in luce un De André eslege, grazie anche a documenti audio inediti, raccolti da Viva durante la preparazione dei suoi libri, condivisi, ed in parte corretti, dallo stesso cantautore. La performance consisterà in un alternarsi di narrazione e musica: al quintetto è affidata l’interpretazione in chiave jazz delle canzoni di Fabrizio. Con Luigi Viva, voce narrante, sul palco ci saranno Francesco Bearzatti, sax, clarinetto, Francesco Poeti, basso e bouzouki, Luigi Masciari, chitarra, direzione musicale, Giampiero Locatelli, piano, Pietro Iodice, batteria.