Da sinistra Melega Santi Muzio Gatti

Parte dall’Emilia Romagna l’alleanza tecnica e scientifica per la sicurezza sul lavoro e la sostenibilità

Nel corso dell’Assemblea annuale di Federmanager Bologna – Ferrara – Ravenna, associazione di riferimento dei manager industriali con circa 3.100 iscritti nelle tre province, che si è svolta il 18 giugno a Bologna presso la sede di Fondazione ANT Italia Onlus, è stata sottoscritta la Dichiarazione della Via Aemilia, alleanza tecnica e scientifica per la sicurezza, salute e sostenibilità nella vita e sul lavoro.

Promotori e primi aderenti AIAS – Associazione Italiana Ambiente e Sicurezza, ITKAM – Camera di Commercio Italiana per la Germania e Fondazione Bruno Kessler, insieme a Federmanager Emilia Romagna – Aerdai.

“Oggi abbiamo dato il via a un’alleanza strategica il cui scopo è eliminare attraverso la cultura della sicurezza e l’innovazione scientifica e tecnologica gli incidenti mortali o gravi nei luoghi di lavoro”, ha sottolineato Massimo Melega, presidente di Federmanager Bologna – Ferrara – Ravenna ed Emilia Romagna, che ha proseguito: “Parte di questo impegno è migliorare la sostenibilità in tutti i contesti nei quali si possono riscontrare infortuni.”

L’iniziativa è aperta al contributo di tutte le organizzazioni e le persone appartenenti agli ambiti associativi e operativi di ciascuno dei promotori, ma anche a chiunque – istituzioni, associazioni, privati – abbia a cuore il problema. Obiettivo comune è promuovere e migliorare la condivisione di conoscenze e di esperienze al fine di individuare le migliori tecniche applicabili per la prevenzione degli incidenti negli ambienti di lavoro, con promozione di iniziative, elaborazione di documenti, organizzazione di attività formative e mediante l’attivazione di un tavolo tecnico condiviso.

“Insieme abbiamo individuato i due ambiti prioritari di azione – spiega Francesco Santi, presidente AIAS, Associazione Italiana Ambiente e Sicurezza -, ovvero la cultura della sicurezza e della prevenzione, con iniziative di comunicazione e formazione e la ricerca e sviluppo scientifico e tecnologico per la sicurezza e la prevenzione. Il nuovo contesto regolatorio in materia di intelligenza artificiale offrirà una linea guida per ulteriori azioni.”

“Dalle attività messe in campo – spiega ancora Emanuele Gatti, presidente ITKAM, Camera di Commercio Italiana per la Germania – che vedranno un’intensa collaborazione in particolare in ambito bilaterale italo-tedesco, tenuto conto della rilevanza degli scambi per il territorio dell’Emilia Romagna, prevediamo di istituire un premio da assegnare a qualificati progetti di innovazione per la sicurezza sul lavoro, il LAbour Safety Innovation Award, ed è già in preparazione il bando per la prima edizione”.

“Il primo atto della nostra alleanza – dichiara Giuliano Muzio, chief corporate relationship officer di FBK Fondazione Bruno Kessler – è quello di istituire un tavolo tecnico finalizzato all’elaborazione di documenti tecnici, scientifici, formativi, informativi, e alla proposta di azioni ed eventi per dare continuità alla collaborazione.”

“L’iniziativa – racconta Roberto Sammarchi, avvocato specialista in diritto dell’informazione, comunicazione digitale e protezione dei dati personali, che si occupa di tecnologia e di rapporti bilaterali fra Italia e Germania, tra i membri fondatori del primo nucleo di lavoro – è stata ispirata da un primo incontro avvenuto nell’ottobre 2023 in Ambasciata d’Italia a Berlino, nel quale di comune accordo abbiamo espresso la volontà di collaborare sui temi di innovazione e sicurezza sul lavoro nell’ambito della rete SIGN, Scienziati Italiani in Germania Network.”

Da un punto di vista operativo, si procederà ora alla designazione di un coordinatore del tavolo tecnico, il quale, avvalendosi della struttura di Federmanager Emilia Romagna e di AIAS, si impegnerà a facilitare lo sviluppo dei programmi comuni e l’efficace condivisione dei risultati.

Il convegno dedicato alla sicurezza informatica

La sottoscrizione dell’accordo è avvenuta nell’ambito del convegno “Cybermanager. Innovazione digitale e sicurezza sul lavoro nell’anno di NIS2”, con il quale Federmanager ha voluto sottolineare l’importanza dell’integrazione tra sicurezza digitale e fisica.

Dopo il saluto del vice presidente di Federmanager nazionale Valter Quercioli, il convegno è stato aperto dall’intervento di Vincenzo Colla, assessore allo sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione e relazioni internazionali della Regione Emilia-Romagna: “L’innovazione tecnologica che progredisce a una velocità incredibile, ma ci rende anche sempre più dipendenti dai sistemi digitali, impone al nostro ecosistema di adottare misure di sicurezza contro questi nuovi rischi della rete. La Direttiva europea NIS2 richiede alle aziende uno sforzo importante per adeguarsi alle nuove prescrizioni e i manager dovranno essere in grado di guidare questo processo di trasformazione, dimostrando capacità e visione strategica. Un’opportunità unica per rafforzare la resilienza e la competitività del nostro sistema delle filiere, ampliando le competenze. Perché è sempre dalle competenze che dobbiamo partire. Ricordo infatti che nel 2023 l’Emilia-Romagna è stata la prima regione ad avviare un corso di formazione sulla cybersecurity per la pubblica amministrazione, che prossimamente sarà esteso anche al privato.”

I lavori sono proseguiti con il contributo di Bruno Frattasi, direttore generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale (ACN), intervenuto sulla Direttiva (UE) 2022/2555, o NIS 2 e di Alessandra Poggiani, direttore generale CINECA, che ha parlato di Cybersecurity e supercalcolo, nonché del ruolo di CINECA per la sicurezza digitale europea.

FEDERMANAGER BOLOGNA – FERRARA – RAVENNA, con all’attivo circa 3100 iscritti e tre strutture operative, una in ognuna delle tre città, è la sede territoriale di FEDERMANAGER, organizzazione costituita nel 1945 che rappresenta e tutela i dirigenti in servizio e in pensione delle imprese produttrici di beni e di servizi. Gli associati sono dirigenti, quadri apicali, alte professionalità, in servizio e in pensione, di piccole, medie e grandi imprese che operano in tutti i settori dell’industria privata e a partecipazione statale, compresi gli enti pubblici economici, nonché nelle attività ausiliarie e complementari dell’industria. FEDERMANAGER è presente su tutto il territorio nazionale tramite 55 associazioni territoriali, le quali forniscono agli iscritti assistenza di carattere sindacale, contrattuale, previdenziale, legale e fiscale e realizzano iniziative culturali, di formazione e di networking, oltre a politiche attive. Info: https://www.bologna.federmanager.it