foto di repertorio

Continua il calo dei prestiti nel primo trimestre 2024 in provincia di Forlì-Cesena, dopo il trend negativo del 2023, secondo i dati di fonte Banca d’Italia Bologna, elaborati dall’Osservatorio economico e sociale della Camera di commercio della Romagna

I temi del credito e del risparmio sono monitorati attraverso una serie complessa di indicatori che tengono conto di numerose variabili; l’analisi che segue osserva, per ragioni di sintesi, i dati relativi solo ad alcuni dei principali aggregati, mentre per maggiori approfondimenti si rimanda alle elaborazioni complete curate dalla Banca d’Italia.

Prestiti e risparmio finanziario – provincia di Forlì-Cesena

In base ai dati provvisori della Banca d’Italia (Ufficio Ricerca Economica di Bologna), in provincia di Forlì-Cesena, al 31/03/2024 i prestiti totali ammontano a 10.403 milioni di euro (7,7% dell’Emilia-Romagna), così suddivisi: 55,5% alle imprese, 41,1% alle famiglie e 3,4% ad altri soggetti (società finanziarie, enti pubblici, istituzioni senza scopo di lucro).

Rispetto al 31 marzo2023 si registra una diminuzione del 5,6% dei prestiti concessi; nel dettaglio, calano i prestiti alle imprese del 7,5% (-7,3% alle medio-grandi, -8,1% alle piccole) e quelli alle famiglie dell’1,2%; riguardo ai prestiti alle imprese, risultano in flessione quelli verso il manifatturiero (-6,1%), le costruzioni (-3,5%) e i servizi nel complesso (-6,9%).

In diminuzione il tasso di deterioramento del credito, inteso come rapporto tra il flusso dei nuovi prestiti deteriorati nel periodo considerato e l’ammontare dei prestiti non deteriorati alla fine del periodo precedente (calcolato come media annua trimestrale): 1,2% nel primo trimestre 2024, rispetto all’1,4% fatto segnare nel primo trimestre 2023.

Per ciò che riguarda il risparmio finanziario, in provincia, al 31/03/2024 l’ammontare risulta di 21.089 milioni di euro (7,4% dell’Emilia-Romagna): il 57,0% è costituito dai depositi bancari, il restante 43,0% dai titoli a custodia.

Rispetto al 31 marzo2023 si rileva un calo dello 0,6% dei depositi (12.030 milioni di euro al 31 marzo 2024), a cui si contrappone l’aumento degli investimenti in titoli gestiti dagli Organismi di investimento collettivo del risparmio (+10,0%; 3.686 milioni di euro) e, soprattutto, degli investimenti in titoli di Stato (+53,8%; 2.368 milioni di euro).

In relazione al Fondo di Garanzia per le PMI, tra gennaio e marzo 2024 in provincia di Forlì-Cesena sono state accolte 370 operazioni di finanziamento (10,4% del totale regionale), con una flessione, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, del 6,6% (396 operazioni); l’importo finanziato complessivo ammonta a 66 milioni di euro mentre l’importo finanziato medio (per singola operazione) risulta di 177mila euro (174mila euro in Emilia-Romagna, 161mila euro in Italia).

Fonte: Banca d’Italia (Ufficio Ricerca economica di Bologna)

Elaborazioni: Osservatorio economico e sociale della Camera di commercio della Romagna –Forlì-Cesena e Rimini a cura dell’Ufficio Informazione economica

Per informazioni e approfondimenti: informazioneeconomica@romagna.camcom.it