La Rocca Malatestiana durante un concerto

Domande online entro il 20 giugno. Possibilità di candidare al finanziamento anche progetti triennali

Non solo festival, spettacoli, incontri letterari e mostre, ma anche iniziative di ambito musicale, cinematografico, delle arti visive e performative, di divulgazione tecnica e scientifica, ed eventi multidisciplinari pensati per promuovere scenari artistici e culturali inediti. Sono le attività ammesse dalla Regione Emilia-Romagna al bando 2024 che dà sostegno ai progetti di promozione culturale di Fondazioni e altri soggetti partecipati da Comuni con meno di 50 mila abitanti.

Il bando, che arriva a seguito dell’approvazione lo scorso dicembre della nuova legge regionale in materia di promozione culturale, la legge 21 del 2023, ha l’obiettivo di favorire la diffusione della cultura anche nelle piccole realtà, promuovendo l’attività di teatri, auditorium e cinema, riconoscendone il ruolo per la crescita culturale delle comunità, e dando sostegno a manifestazioni che hanno già una tradizione consolidata o che si distinguono per caratteristiche innovative, sia sul piano dei contenuti che su quello dei linguaggi.

L’intenzione della Regione è quella di estendere le fasce di pubblico e incrementare la fruizione delle attività culturali da parte dei cittadini, favorendo la diversificazione dell’offerta culturale, oltre che il recupero della cultura popolare, della storia e delle tradizioni locali emiliano-romagnole e di altre culture, in un’ottica di inclusione e dialogo fra culture diverse.

Il costo complessivo minimo dei progetti ammissibili è di 30 mila euro.

È possibile candidare anche un progetto triennale per gli anni 2024-2026. In questo caso il progetto deve prevedere lo svolgimento di attività in ognuno dei tre anni di riferimento, con un costo complessivo, per ciascuna annualità, pari o superiore a 50 mila euro e deve essere un progetto consolidato, con almeno 5 edizioni, anche non consecutive, svolte nel periodo 2014 – 2023.

La domanda va presentata utilizzando la modulistica pubblicata a questa pagina sul portale regionale e inviata esclusivamente tramite PEC all’indirizzo: servcult@postacert.regione.emilia-romagna.it.

Il termine per la presentazione delle domande scade giovedì 20 giugno 2024.