La nuova agenzia immobiliare

Al timone il giovane Filippo Fariselli: “Il mio core-business? La ristrutturazione di vecchi ruderi…”

“Compro e vendo case ma non chiamatemi agente immobiliare”. Sfugge ad ogni definizione Filippo Fariselli, libero professionista 26enne di Cesenatico che oggi, sabato 4 maggio (dalle 18) al civico 9 di via Baldini – inaugura la sua nuova attività, la “FF Investimenti immobiliare”. Non un’agenzia come le altre – ci tiene a precisare – “perché io propongo investimenti e, quando vedo l’affare, scommetto anche in prima persona”. 

“Non mi muovo tra i binari classici del mercato immobiliare – spiega Filippo – preferisco lavorare su operazioni più complesse, quelle a cui nessuno pensa. Immobili dimenticati, all’apparenza con un modesto appeal di mercato ma, nella realtà, con elevate potenzialità di margine. Spesso il rudere spaventa perché, sulla carta, richiede investimenti troppo onerosi. E, invece, a volte, sono proprio queste operazioni che riservano le soddisfazioni economiche maggiori”. 

E così – tra valutazioni, flipping e ristrutturazioni – muovendosi nel backstage del mercato classico, Filippo preferisce concentrarsi su quei business che nessuno vede: “Uno dei nostri obiettivi principali – dice – é selezionare quegli edifici che spesso gli agenti immobiliari definiscono ‘beghe’. Perché lavorare sul ‘pronto consegna’, in effetti, garantisce provvigioni immediate, ma investire su un progetto a lungo termine, a volte, può rivelarsi assai più redditizio sia per noi che per il cliente”.

Ma come opera questa nuova attività? “Con uno staff di consulenti individuo sul territorio i lotti più interessanti, elaboro un progetto sostenibile di restyling e poi li metto sul mercato con le giuste quotazioni. In questo modo, se il processo di recupero é stato previdente, i guadagni saranno certamente interessanti. La gente deve capire che ridare vita ad un edificio diroccato o riqualificare un vecchio appartamento non é sempre un’operazione temeraria. Utilizzando le procedure corrette, gli opportuni bonus, gli sgravi e le detrazioni fiscali, molto spesso possiamo trasformare una catapecchia in un lotto immobiliare dall’ottimo valore di mercato”.

Secondo Filippo, dunque, non sempre acquistare il ‘nuovo’ é conveniente: “Dalla mia esperienza, considerando le quotazioni astronomiche del mercato immobiliare a Cesenatico, non lo é mai. Recuperare un’unità abitativa in pessime condizioni costerà sempre meno che comprare un appartamento nuovo di zecca, tant’é che io stesso, quando fiuto un affare particolarmente allettante, non esito ad investire personalmente”. 

Una scelta lungimirante ma, come detto, spesso anche obbligata: “Oggi a Cesenatico i prezzi delle case hanno raggiunto cifre folli, anche attorno ai 10mila euro al metro quadro se parliamo del quadrilatero del centro storico, dove ci sono ville in vendita a due milioni di euro. Noi operiamo su tutta la Riviera, da Rimini a Ravenna, e ovviamente anche nell’entroterra, da Cesena a Forli, dove in effetti troviamo spesso gli affari più interessanti. La rigenerazione urbana, in molti casi, diventa l’unica soluzione per poter operare su un mercato immobiliare che, con l’aumento dei tassi dei mutui, é diventato off-limits per molti. Perché é vero che Cesenatico resta una meta molto ambita, dove le quotazioni degli immobili non sono mai scese in questi anni, ma proprio perché acquistare casa non é per tutti, scegliere la riqualificazione degli edifici diventa spesso l’opzione più intelligente e vantaggiosa”.