Foto di repertorio

L’assessore Colla: “Importante scongiurare i licenziamenti collettivi senza le necessarie verifiche preventive e rafforzare i controlli pubblici nelle aziende”

Definizione di procedure preventive corrette e certe, per evitare licenziamenti drastici senza preavviso via email o via messaggio sul cellulare, e rafforzamento dei controlli nelle aziende per la sicurezza sul lavoro. Sono i temi al centro di un incontro telematico svoltosi oggi tra il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, e gli assessori regionali tra cui Vincenzo Colla, titolare di Sviluppo e Lavoro della Regione Emilia-Romagna, che ha posto la questione al Ministro.

“Il Ministro Orlando -ha detto Colla- ci ha assicurato che nelle prossime ore depositerà una proposta di modifica di legge per ripristinare procedure in grado di garantire un percorso che consenta di valutare soluzioni preventive. Per noi un fatto molto importante, che avevamo chiesto nei giorni scorsi, dopo i recenti episodi di licenziamenti collettivi ‘digitali’, modalità che non possono essere accettate in un Paese democratico. In Emilia-Romagna- ha aggiunto- con il Patto per il Lavoro abbiamo sancito che non possono esserci atti unilaterali, che non consentono nessuna verifica delle reali condizioni dell’azienda e delle possibilità di scongiurare la perdita di posti di lavoro, oltre all’utilizzo degli ammortizzatori e di tutti gli strumenti legislativi in essere”.

“Altro tema fondamentale di cui si è parlato con il ministro questa mattina- ha aggiunto l’assessore Colla- è il rafforzamento dei sistemi di controllo pubblico per la sicurezza nei luoghi di lavoro. Il ministro ci ha comunicato la sua intenzione di riaprire un bando per l’assunzione di 1.500 nuovi ispettori del lavoro entro la fine di dicembre. Un’azione indispensabile per riuscire a gestire le complessità attuali del mondo della produzione e garantire ai lavoratori un diritto irrinunciabile, quello della tutela della salute e della sicurezza sul posto di lavoro”.