Lorenzo Zanotti e Franco Napolitano, rispettivamente presidente e direttore generale di CNA Forlì-Cesena

“Attendevamo la presentazione del nuovo decreto con speranza, l’abbiamo archiviata con un misto di delusione, rabbia e sconcerto. Perché è del tutto evidente come l’unico punto di riferimento di questi provvedimenti, per ciò che riguarda gli aspetti legati all’economia, sia l’industria. Come era lecito attendersi, visto che tra le centinaia di componenti delle più diverse task force all’opera non c’è uno che sia uno, di rappresentanti del mondo dell’artigianato e della piccola impresa”. È una bocciatura senza mezzi termini quella che Lorenzo Zanotti e Franco Napolitano, rispettivamente presidente e direttore generale di CNA Forlì-Cesena, danno del decreto presentato ieri sera dal Presidente del Consiglio.

Particolarmente grave è la data fissata per l’apertura delle attività artigiane del benessere, della ristorazione e degli esercizi pubblici, il 1° giugno. “Stiamo parlando di imprenditori che, sulla base di anticipazioni giornalistiche mai smentite, hanno già iniziato a fare investimenti per assicurare il distanziamento fisico e la ripresa in sicurezza. Ebbene, queste categorie sono state rispedite in panchina per cinque settimane, non si sa bene sulla base di quali considerazioni medico-scientifiche. Diventa difficile spiegare ad un imprenditore del settore, chiuso dall’11 marzo, la ragione per cui dovrebbe continuare a tenere le serrande abbassate, magari dopo essere andato a fare la spesa in un supermercato ed aver visto la promiscuità commerciale a cui quest’ultima dà luogo. Imprenditore che è abituato da anni a rispettare norme igieniche ferree”.

In questo modo, continua CNA, il settore va verso la chiusura di almeno un’impresa su tre, dando peraltro buona linfa all’abusivismo. Che del rispetto delle norme sanitarie se ne frega.

“Per non dire – continuano Zanotti e Napolitano – della chiusura dell’edilizia privata e della ripresa dei cantieri pubblici, una differenza ingiustificata, visto che il protocollo anti-Covid è lo stesso”.

“Lavoreremo subito – concludono – per far sì che questo decreto possa essere migliorato, decreto che peraltro scade il 17 maggio e che per questo ha ancora spazi di correzione. Di certo non lasceremo nulla di intentato per cercare di dare agli artigiani quella dignità che sino ad oggi non è stata riconosciuta, senza escludere manifestazioni di protesta”.