Pubblicati procedure e criteri per l’attività in Emilia-Romagna

“Con la pubblicazione delle linee guida per lo svolgimento dell’attività di enoturismo si aprono nuove opportunità anche per le aziende vitivinicole della provincia di Forlì-Cesena che godranno di uno strumento in più per valorizzare la loro produzione e il nostro territorio”. Commenta così Coldiretti Forlì-Cesena la pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione di Procedure e criteri per lo svolgimento dell’attività enoturistica in Emilia-Romagna.

Il documento serve a colmare un vuoto normativo grazie al fatto che stabilisce che le aziende agricole possono svolgere attività formative e informative sulle produzioni vitivinicole del territorio e attività di degustazione e commercializzazione delle produzioni aziendali anche in abbinamento ad alimenti. È un provvedimento che chiarisce l’operatività delle aziende della filiera vitivinicola italiana, non solo di quelle agricole, con l’opportunità di valorizzare il prodotto vino nei confronti dei consumatori e con esso il territorio con le sue produzioni agroalimentari di alta qualità. 

Oltre alle imprese agricole vitivinicole, sono interessate al provvedimento anche le attività di trasformazione delle uve in mosti o vini, con la possibilità di svolgere attività didattiche e divulgative, anche in abbinamento ad alimenti, di degustazioni e promozione territoriale nei confronti dei consumatori o degli studenti, attraverso visite didattiche, iniziative ricreative, eventi e manifestazioni. Gli uffici di Coldiretti sono a disposizione per approfondimenti ed informazioni.