Quattro serate rivolte a forze di polizia e operatori economici

Nell’ambito del “Tavolo Tecnico Antiabusivismo” istituito presso la Prefettura, a presidio della legalità e a tutela dell’imprenditoria sana che opera correttamente sul mercato, è stato affrontato il tema del trasporto e dello smaltimento abusivo dei rifiuti da parte degli operatori economici, spesso non abilitati a tali attività, con l’elevato rischio della dispersione dei rifiuti nell’ambiente e conseguenti rischi per la salute connessi a uno scorretto smaltimento dei rifiuti.
Per fornire una corretta informazione e buone prassi agli operatori economici che operano nel settore, oltre che efficaci strumenti di intervento alle forze di polizia impegnate nei controlli, è stata condivisa l’esigenza di prevedere specifici momenti formativi rivolti agli uni e alle altre.

 

In collaborazione con ARPAE, il Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Forlì-Cesena, CNA Forlì-Cesena, Confartigianato Forlì e Confartigianato Federimpresa Cesena, sono stati programmati, presso la Prefettura di Forlì-Cesena, momenti formativi rivolti – in data 31 maggio e 1 giugno 2017 – alle forze di polizia statuali e alle polizie municipali e il 6 e 7 giugno seguenti agli operatori economici, con particolare riferimento a coloro che operano nel settore dell’edilizia, dell’autotrasporto e dell’autospurgo e ai manutentori, con la partecipazione, in qualità di relatori, della dott.ssa Maria Serana Bonoli di ARPAE e del maresciallo Fabrizio Riceputi del Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Forlì-Cesena, nonché della dottoressa Roberta Vitali e del dottor Davide Ghetti di CNA  e dei signori Eugenio Battistini e Alberto Camporesi di Confartigianato.

 

Nel corso del seminario formativo, oltre all’illustrazione delle principali fonti regolatrici della materia, verrà dedicata particolare attenzione ai concreti rischi per la salute connessi ad uno scorretto smaltimento dei rifiuti, nell’ottica di promuovere, da parte degli operatori economici, comportamenti coerenti con il delicato e rilevante ruolo da essi rivestito e con le conseguenti responsabilità ad essi attribuite nella tutela dell’ambiente.