Le offerte dovranno pervenire entro il 14 aprile

Cercansi gestori per lo spazio finora occupato da Le Fricò. Il Comune di Cesena, infatti, ha appena pubblicato il bando per l’assegnazione dell’unità immobiliare destinata a pubblico esercizio presente all’interno del padiglione polivalente Ex Arrigoni, in piazzale Karl Marx, davanti alla stazione ferroviaria.

Si è dato così seguito alla delibera di Giunta con la quale si è stabilito di assegnare con un’asta pubblica la concessione per i prossimi sei anni di questi  locali  di proprietà comunale, dopo che, il 31 dicembre scorso, era scaduta la proroga del precedente contratto con la ditta Camst (che continuerà la sua attività all’interno della struttura fino al 30 giugno prossimo).

 

Il bando prevede la concessione per la durata di sei anni del locale che si trova al centro del polo scolastico cesenate, si estende per una superficie complessiva di 1200 metri quadrati ed è dotato degli arredi e delle attrezzature per la cucina e la somministrazione di cibi e bevande. 

Il canone annuo posto a base d’asta è di 76mila euro.

Potranno partecipare alla gara sia società che imprese individuali in possesso dei requisiti professionali richiesti per la somministrazione, oltre che di quelli morali.

Le offerte dovranno essere arrivare all’Ufficio Protocollo del Comune entro le ore 13 del 14 aprile.

L’apertura delle buste avverrà in seduta pubblica nella mattinata del 19 aprile. L’aggiudicazione avverrà in favore della miglior offerta.

Il bando completo e tutta la documentazione possono essere scaricati dal sito del Comune di cesena www.comune.cesena.fc.it.

 

Dunque, almeno per i prossimi sei anni, lo spazio occupato da Le Fricò manterrà la funzione di pubblico esercizio/mensa, che lo ha caratterizzato finora.

Solo quando i corsi di Psicologia, attualmente ospitati in un’altra ala del palazzo, si trasferiranno, sulla base del  programma che prevede di creare nell’ex Zuccherificio il polo universitario cesenate, si potrà definire un progetto complessivo di ristrutturazione del padiglione, destinandolo a finalità scolastiche per far fronte alle esigenze di spazio degli istituti superiori di Cesena.

Ma, tenuto conto che, almeno per il momento, non è possibile prevedere tempi certi per la realizzazione della nuova sede della Scuola di Psicologia, l’Amministrazione ha ritenuto opportuno di confermare l’attuale destinazione d’uso del locale.