Il presidente Ravaglioli: “Potremo continuare a destinare il patrimonio a sostegno dello sviluppo dei nostri territori”

Il Consiglio di amministrazione della Banca di Forlì Credito Cooperativo ha deliberato l’adesione al Gruppo Bancario Cooperativo proposto da Iccrea Banca. “Con Iccrea Banca condividiamo da tempo percorsi e obiettivi – ha affermato il presidente della Banca, Domenico Ravaglioli – ne conosciamo la solidità patrimoniale ma anche le capacità in termini di servizi e di opportunità che consentono alle Bcc di operare in modo competitivo all’interno di scenari bancari nazionali ed internazionali. Il Gruppo bancario Iccrea è già un importante attore del sistema bancario italiano, dispone fin da ora di tutti i requisiti richiesti dalla normativa per le candidate capogruppo ed è già soggetto alla Vigilanza della Banca Centrale Europea da novembre 2014”.

In particolare, grazie ad un patrimonio netto su base consolidata di 1,7 miliardi di euro e di un capitale libero di circa 500 milioni, Iccrea non necessita di apporti di capitale da parte delle Bcc aderenti.

“Per la nostra Bcc – ha proseguito il Ravaglioli – questo significa poter continuare a destinare il patrimonio a sostegno dello sviluppo dei nostri territori. Un altro elemento decisivo nella nostra decisione è rappresentato dall’estrema flessibilità che Iccrea ha dimostrato riguardo la questione informatica. Non esiste nessuna barriera all’ingresso circa l’utilizzo di un sistema informatico o di un altro: solo l’Istituto centrale delle Bcc, che da anni offre i propri servizi a una platea vastissima di banche, consente un’integrazione di questo tipo. Inoltre, il Gruppo Iccrea ci garantisce un supporto su tutti i principali ambiti di attività con i nostri soci e clienti, in particolare nel segmento delle imprese, attraverso Iccrea BancaImpresa e le sue controllate”.

Più in generale, la scelta di aderire al Gruppo Iccrea è anche per via del possesso, da parte del Gruppo, dei requisiti operativi, competenziali e infrastrutturali previsti dalla normativa. Il Gruppo Iccrea è sempre stato accanto al territorio, alle famiglie e alle imprese che vi lavorano. Tra il 2007 e il 2015, ad esempio, ha impiegato 15 miliardi di euro alle Pmi in tutta Italia mentre, tra il 2011 e il 2015, ha concesso crediti alle famiglie italiane per 1,6 miliardi di euro. “Siamo convinti – ha concluso Ravaglioli – che, con il Gruppo Bancario Cooperativo targato Iccrea, le Bcc diventeranno ancora più forti, entrando in una nuova dimensione bancaria europea senza dimenticare la loro missione principale: cooperazione, mutualità e localismo”.