The Urgonauts

La tradizione del ballo con Mirko Casadei e la sua storica Orchestra in versione Big Band incontra il collettivo romagnolo della mitologica Valle dell’Urgone The Urgonauts

Giovedì 11 Luglio nella suggestiva location di largo Moutiers , sulla scalinata della chiesa, arriva il “Balamondo World Music Festival”, quest’anno giunto alla nona edizione. Il Balamondo è il grande Festival che ha confermato la vocazione del liscio ad essere musica dell’incontro, della ricerca sonora, oltre ad essere edonismo, piacere, occasione di incontro e scambio di emozioni. Apre la serata Mirko Casadei, figlio de “Il re del liscio” Raoul Casadei, alla guida dell’Orchestra Casadei da tanti anni con il progetto di portare avanti una tradizione fondata nel 1928, che appartiene a tutti gli italiani, con grande attenzione al ricambio generazionale. Con il suo pop-folk, Mirko Casadei ha infatti portato una ventata di novità, proponendo nuovi sound attraverso le tante contaminazioni musicali che ha realizzato nei suoi live:

Jovanotti, Max Gazzé, Bandabardò, Marc Ribot, Richard Galliano, Hevia, Goran Bregović, Enrico Ruggeri, Simone Cristicchi, Modena City Ramblers, Paolo Fresu, Morgan, Gloria Gaynor, Irene Grandi, Colapesce Dimartino, Ernesttico, Emir Kusturica… e tanti altri.

“Lontan da te non si può star”  è il nome del  tour estivo partito da Sanremo, che celebra i 70 anni di Romagna mia! Proprio Amadeus ha così lanciato il nuovo spettacolo di Mirko che ha trasformando il teatro Ariston nella più grande balera d’Europa.
La grande novità dello spettacolo sarà la Casadei Big Band, una super band formata da musicisti che suonano rigorosamente dal vivo. Un racconto che parte da lontano e che arriva ai giorni nostri, tra tradizione e cultura. Romagna mia è il simbolo della festa, del diritto di tutti al tempo libero e al divertimento, ma esprime anche un grande senso di appartenenza al territorio. Citata nel discorso di fine anno del Presidente Mattarella che ha ricordato i giovani volontari, gli angeli del fango, è diventata anche un simbolo della solidarietà. Durante la serata non mancherà un momento di contaminazione tra i due artisti nel perfetto stile di Balamondo.  The Urgonauts è il collettivo romagnolo della mitologica Valle dell’Urgone. Con un passo Rocksteady, il loro sound matura e si contamina, miscelando i ritmi coinvolgenti Ska-Reggae dei Caraibi, con un’attitudine Punk, il verace carattere Folkloristico-Agricolo Romagnolo e delle spennellate di Cumbia e Afrobeat. Basso, batteria, chitarre in levare, voci in dialetto, organi vintage, sezione di ottoni come una grande orchestra, elaborano così una miscela unica, divertente ed esplosiva. Una banda come ai vecchi tempi, in cui ogni membro è anche cantante, uno spettacolo in grado di coinvolgere il pubblico in sfrenate danze, diventando in poco tempo punto di riferimento della Romagna creativa.  I loro brani sono una miscela di ballate rivoluzionarie e coinvolgenti, che narrano le mitologie post-apocalittiche della Valle dell’Urgone, in maniera goliardica e provocatoria. Dopo “Kombat Album” e “Cesenegal”  è uscito nel 2022 “Namassa” il terzo album della band, per Kob Records. Non mancherà, come nello stile del Balamondo, un momento di contaminazione tra ritmi e suoni del mondo, per una grande jam session finale.

Lo spettacolo del “Balamondo World Music Festival” inizierà alle ore 21,30. Il programma completo del festival al sito www.balamondo.it