Visita Biblioteca Malatestiana Sala Piana

In programma laboratori sensoriali, incontri con artisti e suggestivi percorsi espositivi

Si rinnova, sabato 18 maggio, l’atteso appuntamento con la Notte Europea dei Musei, l’iniziativa che coinvolge i musei di tutta Europa per valorizzare l’identità culturale di tutta l’area, nata con il patrocinio del Consiglio d’Europa, di UNESCO e di ICOM, il principale network italiano di musei e professionisti museali. Anche a Cesena sono previste per questa occasione aperture straordinarie in orario serale, visite guidate, incontri con gli artisti nei principali musei e gallerie della città, dalla Biblioteca Malatestiana a Villa Silvia Carducci. Nel dettaglio, tutti gli ingressi sono gratuiti ad eccezione delle degustazioni al Museo Archeologico a cura di Arkeogustus. Per ulteriori informazioni contattare lo 0547 610892 oppure scrivere a cesenacultura@comune.cesena.fc.it.

Ma quali sono le proposte per questa notte culturale?

In Biblioteca Malatestiana (piazza Bufalini, 1) si potrà visitare la mostra “I libri del Papa. Pio VII nello specchio della sua Biblioteca”. A conclusione delle iniziative organizzate in occasione del bicentenario della morte di Papa Pio VII Chiaramonti (1823-2023) la mostra propone ai visitatori un viaggio tra raffinate legature, preziosi manoscritti, rare edizioni a stampa e curiosità. L’esposizione sarà occasione per ammirare non solo i suggestivi ambienti che ospitano la collezione pontificia, ma anche per vedere da vicino testi rari e preziosi. Visite guidate con partenza ogni ora dalle 19:00 alle 23:00 fino ad esaurimento posti consentiti. È consigliata la prenotazione allo 0547.610892 o a prenotazioni@comune.cesena.fc.it.

Visite guidate al Museo Archeologico (via Montalti, 4) che resterà aperto dalle ore 20:00 alle 24:00. Accompagnato dal Gruppo Archeologico Cesenate “Giorgio Albano” il visitatore potrà conoscere da vicino i mosaici e i reperti del colle Garampo che saranno esposti nel futuro museo. Previste inoltre, dalle ore 20:00 alla ore 21:30, degustazioni di antiche ricette del I secolo d.C. a cura di Arkeogustustra le ricette di Marco Gavio Apicio, Catone e Columella, per scoprire insieme la cucina degli antichi Romani. Alla degustazione è abbinata la visita guidata al Museo Archeologico. Per l’occasione saranno presenti anche i rievocatori dell’Associazione Terre Centuriate. Costo della degustazione: 10 euro a persone, 5 euro per i visitatori fino ai 12 anni, gratuito fino ai 5. E’ necessario prenotarsi allo 0547610892 oppure scrivendo a prenotazioni@comune.cesena.fc.it.


Per l’occasione torneranno ad aprirsi anche le porte della Casa Museo di Renato Serra (viale Giosuè Carducci, 29). Gli studenti dell’Istituto Tecnico Economico “Renato Serra” guideranno i visitatori alla scoperta della dimora (e non solo) alla ricerca delle tracce del suo illustre abitante. Dalle ore 20:00 alle ore 23:00 sono previste visite guidate ogni mezz’ora; alle ore 21 e alle ore 22 ci saranno letture dal “Diario di trincea” di Renato Serra, a cura di Lorenzo Pieri, con accompagnamento musicale del Conservatorio “Maderna-Lettimi”, professore Giorgio Babbini (clarinetto) e allievi Filippo Ruggeri (flauto) e Stefania Betti (arpa).

Si mostreranno alla luce della luna gli animali che popolano il Museo dell’Ecologia (piazza Pietro Zangheri, 6). Il polo culturale sarà aperto dalle ore 20:00 alle ore 23:00 per un’insolita visita notturna degli ambienti quattrocenteschi del museo, compresa la Loggetta Veneziana e la Torre del Nuti da cui è possibile apprezzare la vista della sottostante piazza del Popolo da una prospettiva inedita. Sarà inoltre possibile partecipare a visite guidate tematiche di circa 30 minuti rivolte a grandi e piccoli alle ore 20:00 alla scoperta del lupo e dei mammiferi, alle ore 21:00 incentrare sull’avifauna tipica della Romagna tra penne e piume, alle ore 22:00 alla scoperta della torre dei rapaci tra curiosità e storia. Gli itinerari sono organizzati in piccoli gruppi di visita, si consiglia pertanto la prenotazione allo 0547.356445 o alla mail museoecologiacesena@atlantide.net.

Una notte all’ombra dei ritratti dei personaggi storici di Cesena. Dalle ore 20:00 alle ore 23:00 in Pinacoteca comunale (via Aldini, 26) si terrà l’evento “Scegli una frase e ti racconterò”, un appuntamento divertente a contatto con l’arte attraverso un viaggio tra citazioni letterarie ed artistiche, nel quale i partecipanti assisteranno alla narrazione di un’opera collegata alla frase scelta.


Una notte a Musicalia (via Lizzano, 1241). Il Museo Musicalia, nelle aristocratiche stanze di Villa Silvia Carducci, cambia atmosfera proponendo ai visitatori un’immersione in un ambiente magico illuminato da sole lanterne e candele, alla scoperta della musica meccanica e dei suoi strumenti. Visite guidate con partenza alle 20:30, 21:00, 21:30, 22:00 e 22:30, prenotazione obbligatoria allo 0547 323425 o a promo@museomusicalia.it.

Notte di visite anche per le Gallerie d’arte comunali del Ridotto (Corso Mazzini, 1) e Pescheria (via Pescheria, 23). Al Ridotto, dalle ore 16.30 alle ore 23:00, i visitatori potranno fruire della mostra “L’amore ai tempi del colera. Riletture” di Ugo Bertotti che alle ore 21:00 incontrerà i presenti. In Pescheria invece è stata da poco inaugurata la mostra “Illeggibili. Libri d’artista”, mostra dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna, a cura di Jessica Ferro. La mostra vede protagoniste le opere degli studenti dell’Accademia di Belle Arti con una produzione che spazia in un ampio ventaglio di linguaggi espressivi quali mosaico, scultura, installazione, pittura, grafica d’arte e new media. L’argomento del libro-opera è diventato per gli allievi un forte stimolo creativo, strumento entusiasmante di esplorazione e sperimentazione, che ha generato una produzione di sensazioni dal carattere etico ed estetico, scambi, confronti, discussioni, relazioni e dialoghi. Mostra aperta con orario continuato dalle ore 16:30 alle ore 23:00. In più, a partire dalle ore 21:00 prenderà avvio l’evento: “Gli allievi dell’Accademia di Ravenna si raccontano…”, un’occasione informale per entrare in contatto con la realtà dell’Accademia attraverso le voci degli studenti, autori delle opere in mostra.