Il 9 maggio al Diego Fabbri debutta Roberto Mercadini

Non ha bisogno di presentazioni il primo protagonista della quarta edizione del “Festival Caterina Sforza di Forlì. L’anticonformista 2024”, la rassegna di spettacolo, cultura e intrattenimento dedicata a una tra le figure femminili più emblematiche del Rinascimento italiano, che quest’anno si propone con eventi diffusi in tutta la città dal 9 maggio al 16 giugno.
Nato a Cesena nel 1978, Roberto Mercadini è un drammaturgo, scrittore e youtuber italiano con alle spalle più di venti monologhi, che spaziano dalla Bibbia ebraica all’origine della filosofia, dall’evoluzionismo alla felicità.
A Forlì, nell’ambito del ricco calendario di appuntamenti del Festival di Caterina, è atteso giovedì 9 maggio alle 21:00 presso il Teatro Diego Fabbri, con uno spettacolo dal titolo “Storia della tigre e del dragone”; un monologo inedito su Caterina Sforza e Cesare Borgia, sulle loro battaglie, l’ascesa inarrestabile, e il loro scontro mortale.
Eleonora Mazzoni, Direttrice del Festival, descrive così il poliedrico Roberto Mercadini, svelandone alcuni tratti e i contenuti del suo atteso spettacolo.
“Ho voluto a tutti i costi Roberto Mercadini. Sapevo che in questo periodo era oberato di impegni e di lavori. L’ho letteralmente braccato. Ma avevo bisogno, per iniziare il Festival, di un racconto originale di questo narratore romagnolo così potente e vitale”.
C’è poi grande attesa, tra i più piccoli, per il 15 maggio alle ore 9 a Casa Romagna: ai giovani lettori e alle giovani lettrici verrà raccontata la storia di Caterina Sforza da Dolores Carnemolla e Marcello Orbiglioli, autrice e illustratore del libro “Caterina Sforza, nobile guerriera” (Fog Edizioni), presentati da Marco Viroli. Non solo, alcuni appuntamenti si svolgeranno in collaborazione con CavaRei, Società Cooperativa Sociale che si occupa di persone con disabilità e disagio mentale (10, 17, 24 e 31 maggio alle ore 9 alla Mega Mondadori di Forlì). Dal 2022, CavaRei porta avanti il progetto Insolite Essenze, sviluppo dell’attività di agricoltura sociale, e in occasione del Festival vuole attivare laboratori con scuole di primo e secondo grado sul tema delle erbe aromatiche e come queste possano essere filo conduttore di una serie di opportunità occupazionali per persone con disabilità, consentendo ad un numero maggiore di beneficiari di sperimentarsi in attività di agricoltura sociale attraverso le erbe che tanto ha studiato e utilizzato Caterina Sforza.
Per la rassegna RITRATTO D’AUTRICE, debutta venerdì 24 maggio alle 21:00 presso la Salamenouno della MEGA Mondadori di Forlì, Azzurra Rinaldi, economista e scrittrice, che dopo “Le signore non parlano di soldi” porterà al Festival il suo ultimo libro in uscita il 14 maggio per la Fabbri Editore: “Come chiedere l’aumento”. A parlarne con lei ci sarà Filippo La Porta, saggista, giornalista e critico letterario.

INFORMAZIONI
La partecipazione è gratuita ad accesso libero senza prenotazioni fino ad esaurimento posti.
Ingresso consentito da un’ora prima dell’evento.

Il “Festival Caterina Sforza di Forlì. L’anticonformista. 2024” è ideato e prodotto dal Comune di Forlì – Assessorato alla Cultura. Concept e direzione artistica a cura di Eleonora Mazzoni.