in foto Raphael Gualazzi

Dal 24 al 26 Maggio 2024 le celebrazioni per i 100 anni di ForlìMusica

Un anno particolare il 2024 che vede un compleanno prestigioso, quello dell’associazione AMICI DELL’ARTE. Una tradizione ed una passione per la musica che nasce proprio nel 1924.

Con uno sguardo particolare ai giovani, in corrispondenza con i concerti, sono state spesso organizzate Master Class gratuite per i partecipanti, provenienti anche dall’estero, in cui gli esecutori tenevano lezioni aperte. Dal 2012, assieme alla Bruno Maderna ed alla Forlì per Giuseppe Verdi si è creato il raggruppamento ForlìMusica. Per questa occasione sarà inaugurato anche il nuovo brand, o meglio nome dell’orchestra Bruno Maderna, che proprio per l’occasione, e in futuro diventa FORLIMUSICA ORCHESTRA, proprio per identificare ancora di più e stringere il legame tra arte, musica e cultura che da 100 anni porta a Forlì grandi musicisti e forma giovani talenti.

Amici dell’Arte 100 sarà articolato su 3 giornate e prevederà un’invasione di artisti che porteranno la loro professionalità e la loro creatività a Forlì per una grande celebrazione artistica.

Correlata alle celebrazioni si svolgerà dal 22 al 26 maggio una mostra per ricordare la strada percorsa in questi 100 anni, (orari: dalle 10,00 alle 12,30 e dalle 16,00 alle 19,00) ad ingresso gratuito.

All’interno della Mostra sarà aperto un INFO POINT in cui gli utenti troveranno tutte le informazioni utili per seguire gli eventi. Non solo musica ma anche buon cibo, infatti durante la settimana di eventi sono state attivate delle convenzioni con 3 ristoranti forlivesi Petite Arquebuse, Casa Romagna e Bistrot Borgo Cotogni che hanno aderito confezionando un Menù Amici dell’Arte 100 ad un prezzo calmierato.

La manifestazione comincerà venerdì 24 maggio alle ore 17,00 nel Chiostro di Casa Romagna (Piazza Saffi) dove i Solisti a fiato della ForliMusica Orchestra allieteranno il tardo pomeriggio. Presentato da Guido Barbieri noto musicologo, ingresso a 1€. Si prosegue alle ore 21,00, presso l’ex sala cinema Mazzini, dove ci sarà la consegna del PREMIO FORLIMUSICA. Il premio verrà consegnato al Direttore d’orchestra Diego Fasolis, riconosciuto nel mondo come uno degli interpreti di riferimento per la musica storicamente informata, unisce rigore stilistico, versatilità e virtuosismo. L’evento vede la partecipazione di Arnoldo Mondadori Mosca e I violini del mare. Arnoldo Mosca Mondadori è figlio di Paolo Mosca e di Nicoletta Mondadori ed è pertanto pronipote di Arnoldo Mondadori, fondatore dell’omonima casa editrice Arnoldo Mondadori Editore. È inoltre nipote dello scrittore e umorista Giovanni Mosca e dell’editore Alberto Mondadori. Editore, saggista e poeta è stato il curatore dell’opera mistica della poetessa Alda Merini tra il 1998 e il 2009, pubblicata da Frassinelli. (ingresso intero € 10,00 – ridotto € 5,00 – ingresso gratuito per i Soci “Ambasciatori” e minori di 16 anni con accompagnatore).

Si prosegue sabato 25 maggio dal mattino. Alle ore 11,30 nella sala del refettorio di San Mercuriale, la presentazione del libro “Sarà l’avventura” di Carlo Fontana. Manager culturale e critico teatrale, dopo essersi laureato in Storia della critica d’arte inizia a collaborare con Paolo Grassi al Piccolo Teatro, seguendolo poi al Teatro alla Scala nel 1976 come assistente, ruolo che manterrà anche con il suo successore Carlo Maria Badini. Presenti Danilo Rossi, violinista, Nazareno Carusi, pianista. Conduce l’incontro Alberto Mattioli. (ingresso gratutito). Nel pomeriggio alle ore 15,00 presso Casa Romagna il quartetto d’archi dei solisti di ForliMusica Orchestra. (ingresso 1€). Alle ore 17,00 presso il Salone Comunale, in Piazza Saffi, il Quartetto Rilke. Quartetto d’archi italiano con sede a Milano, nato nel 2022 dalla grande passione per la musica da camera delle sue componenti: Giulia Gambaro, Martina Verna, Giulietta Bianca Bondio e Federica Colombo. Intitolato a uno dei più grandi poeti lirici di sempre, il Quartetto Rilke è il risultato di un progetto comune tra quattro musiciste giovani e motivate, con l’aspirazione di affermarsi nel panorama dei giovani gruppi cameristici italiani ed europei emergenti. Il quartetto sarà presentato da Alberto Mattioli (ingresso gratutito). Alle ore 19,00 presso Casa Romagna il quartetto d’archi dei solisti di ForliMusica Orchestra (ingresso 1€). Alle ore 21,00 presso Fabbrica delle Candele il concerto del pianista Alessandro Deljavan. (ingresso € 5,00). Nato da madre italiana e padre persiano, iniziò a suonare il pianoforte prima dell’età di due anni e diede le sue prime esibizioni all’età di tre anni. Da allora si è esibito in tutto il mondo in più di 20 paesi tra cui in Austria, Belgio, Cina, Colombia, Cipro, Danimarca, Francia, Germania, India, Israele, Italia, Lituania, Montenegro, Corea del Sud, Polonia, Romania, Russia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Svizzera e Stati Uniti. “La performance di Deljavan è stata rivelatrice sotto ogni aspetto. Tutti in sala sapevano che stavano ascoltando qualcosa di speciale, qualcosa di meraviglioso, fin dalle prime note”.

Domenica 26 Maggio alle ore 12,00 (ingresso gratutio) un vero e proprio incontro tra bande, quella di Carpinello e la Roveroni di Santa Sofia. Presentate dal musicolo Oreste Bossini, ma dirette da Gene Gnocchi, comico, cabarettista, conduttore televisivo, cantante, scrittore ed ex calciatore italiano. Alle ore 16,00 presso Fabbrica delle Candele lo spettacolo “Children’s Corner” l’angolo di Gianni Rodari (Biglietto Unico € 5,00). L’infanzia come fonte di ispirazione dell’arte, veicolo di un’arte ai massimi livelli, densa di contenuti che vanno ben oltre la dimensione infantile ed accompagnano l’animo umano fino alla maturità. In questo percorso di ricordi, immagini, fantasia, parole e note, Michele Pirani è alternativamente Gianni Rodari, un bambino, Claude Debussy, un tamburino, Robert Schumann e di nuovo Rodari. La musica si interseca alle parole, commenta, accompagna, proietta l’immaginazione e le emozioni al di là del testo. Michele Pirani, voce recitante, e il Trio Synchordia (Alessandra Aitini – flauto, Lorenzo Lombardo – viola, Federica Mancini – arpa). La passione dei suoi componenti per gli intrecci tra le arti ha portato inoltre il gruppo a collaborare con danzatori ed attori nella realizzazione di spettacoli incentrati sui connubi musica/danza, musica/poesia, musica/ teatro, inserendosi con essi in alcuni tra i più importanti cartelloni musicali e teatrali italiani.

La conclusione della manifestazione domenica 26 maggio alle ore 21,00 presso il Teatro Diego Fabbri. (ingresso unico € 10,00), per l’acquisto dei biglietti direttamente sul sito www.eventbrite.it/e/raphael-gualazzi-michel-faber-francesca-manfredi-danilo-rossi-tickets-899007745367.

Un recital/concerto ideato appositamente con Michael Faber, Francesca Manfredi e Raphael Gualazzi. Dirige la ForliMusica Orchestra il maestro Stefano Nanni, con guest star Danilo Rossi, viola. Evento in collaborazione con La Milanesiana, introdotto da Elisabetta Sgarbi.

Francesca Manfredi, laureata al DAMS dell’Università degli Studi di Torino, e poi diplomata alla Scuola Holden, fondata nel 1994 da Alessandro Baricco. La sua prima raccolta di racconti “Un buon posto dove stare” ha vinto il Premio Campiello nella sezione Opera Prima 2017. Nel 2019 pubblica il suo primo romanzo, L’impero della polvere, edito da La nave di Teseo. Michael Faber, nato nei Paesi Bassi, nel 1967 la sua famiglia si trasferì in Australia, dove restò fino al 1992, quando si trasferì in Scozia; qui ha vissuto in una stazione ferroviaria vittoriana con la moglie Eva, sua editor “non ufficiale”, fino alla morte di lei per una rara forma di cancro alle ossa, nel luglio 2014. Nel 2002, dopo una gestazione durata 21 anni, è uscito Il petalo cremisi e il bianco, la storia postmoderna e dickensiana di una prostituta nella Londra vittoriana. Il libro è diventato un bestseller internazionale. I suoi libri sono pubblicati in Italia da Bompiani ed Einaudi.

Raphael Gualazzi, classe 1981, è cantautore, copositore, arrangiatore, musicista e produttore. Dopo gli studi classici al Conservatorio ha sempre sperimentato diversi generi musicali, dando vita ad uno stile personalissimo, tra stride piano, jazz, blues e fusion. Gualazzi ha partecipato ai più rinomati festival d’Europa (tra cui l’”International Jazz Day”, presso la sede UNESCO di Parigi, il “Saint Germain Jazz” di Parigi, il “Dìa de la Musica” di Madrid, l’Italian Innovation Day a Bruxelles, testimonial del made in Italy di successo all’estero), ha segnato sold out in Italia e all’estero sempre con formazioni di musicisti internazionali, arrivando a conquistare anche il Giappone e il Canada. La Milanesiana Letteratura Musica Cinema nasce nel 2000 a Milano, su iniziativa e sotto la direzione di Elisabetta Sgarbi. Fin dalla sua prima edizione, si propone come grande “laboratorio di eccellenza” di letteratura, cinema, musica, arte, scienza, filosofia. Il suo progetto è quello di incrociare saperi e arti diverse, portando a Milano le eccellenze internazionali del mondo culturale e scientifico: Premi Nobel per la Letteratura, Nobel per la Scienza, Oscar del Cinema, musicisti che hanno ricevuto i maggiori riconoscimenti internazionali.

La manifestazione è possibile grazie al contributo di MIC ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune di Forlì – Assessorato alle Politiche Giovanili, Fabbrica delle Candele, Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, Casa Romagna, Studio Notarile Maltoni. Con il sostegno di Club 41 Forlì 38, Round Table Forlì N.6. La collaborazione della Milanesiana e Teatro delle Forchette APS.