ph Hedy Lamarr

Donne, omosessuali e transgender nella storia della scienza, della tecnologia e dei videogame 

Nuovo appuntamento, giovedì 4 aprile (ore 21.00), a Palazzo Dolcini di Mercato Saraceno, con la nuova edizione di “Diverso dal solito. Diritti civili e linguaggio inclusivo on stage”. Una rassegna collegata alla stagione teatrale curata da Sillaba in co-progettazione con il Comune di Mercato Saraceno: conversazioni teatralizzate per riflettere su diritti civili e linguaggio inclusivo, introdotte da Roberto Mercadini. Un’occasione per dare spazio a punti di vista ed esperienze diverse dal solito e dai luoghi comuni, stimolando il dibattito e il confronto.  

Protagonista di questo ultima serata sarà Marco Tonti, presidente Arcigay di Rimini, con un intervento scenico dal titolo “Deviazioni standard. Donne, omosessuali e transgender nella storia della scienza, della tecnologia e dei videogame”. 

Quando si racconta la storia della scienza e della tecnologia spesso si ignorano i lati umani di chi quella storia l’ha fatta. È una storia maestosa fatta anche di tragedie, curiosità, mascheramenti, rinunce. In statistica si definisce ‘deviazione standard’ una misura della scostamento dalla media  

“Le storie che racconteremo sono appunto delle deviazioni dalla dominante del maschio etero bianco, ma scopriremo anche che esse sono in un certo senso lo standard perché ogni persona ha una storia unica e originale” dice Marco Tonti, che prosegue – “Come la storia del matematico ed eroe di guerra che salvò l’Europa e che morì perseguitato perché omosessuale. Come la storia della ricercatrice che rivoluzionò la ricerca in psicologia per dimostrare che l’omosessualità non era una malattia. Come la storia dello psicologo tedesco omosessuale cui i nazisti bruciarono i libri. Come la storia della star sexy di Hollywood che inventò un sistema di crittazione radio troppo avanzato per l’epoca. Come la storia della ragazza che si innamorò della matematica grazie alla tappezzeria. Come la storia del primo campione di videogame che non era un campione. Come la storia del primo programmatore che non era un programmatore. Come la storia che la potenza di calcolo veniva indicata in Kilo-Girls. Come la storia della ragazza che fece volare gli uomini sulla Luna. Come la storia della donna che inventò i linguaggi di programmazione e scoprì il primo bug informatico. Come la storia della suora tra i computer. Come la storia della Premio Nobel sgradita in Svezia perché adultera. Come la storia della prima astronauta lesbica. Come le storie delle donne che hanno fondato l’informatica moderna solo perché il ‘software’ era considerato inferiore. Come la storia dell’uomo che scambiò sua moglie per un cappello e il suo compagno per un coinquilino”. 

Storie che oggi appaiono distanti e forse anche un po’ divertenti, ma a loro tempo sono state difficili e anche tragiche. Evitabili sofferenze umane non sono solo ingiuste per chi le subisce ole ha subite, ma possono anche creare enormi danni al progresso dell’umanità. Marco Tonti è stato tra i fondatori, nel 1994, di Arcigay Rimini “Alan Turing” e attualmente ne è il presidente. Ideatore e organizzatore del Rimini Summer Pride, la manifestazione per i diritti più romantica del mondo, si occupa da sempre delle battaglie per i diritti LGBTQI+ in Romagna. Tonti è ingegnere, docente di informatica, dottore di ricerca in psicologia psicoanalitica e consigliere comunale a Rimini per la lista Coraggiosa. 

Inizio spettacolo ore 21 / biglietto € 10 (prevendita su www.liveticket.it