in foto Alberto Salimbeni

Alla Sala dell’Arengo con le iconiche musiche da film che hanno fatto la storia, con Alberto Salimbeni, pianoforte e organo

Giovedì 4 aprile alle ore 21.00 nella sala dell’Arengo del Castello Malatestiano di Longiano, sede del polo culturale Fondazione Tito Balestra, torna la fortunata rassegna “I concerti dell’Arengo” con una serata musicale dal titolo “Note Gotiche”, con la performance del maestro Alberto Salimbeni.


La serata sarà introdotta da Beatrice Valeriani, operatrice culturale, che racconterà di come è nato questo concerto sui generis e le tante curiosità legate ai brani.
Un concerto molto particolare che attraverso l’esecuzione di colonne sonore di iconici film porterà lo spettatore a calarsi nel mondo gotico, noir e horror.  Durante la serata si potranno ascoltare, tra gli altri, i brani più famosi dei Goblin come “Profondo Rosso” celeberrima colonna sonora dell’omonima pellicola cinematografica del 1975, scritta dal leader del gruppo Goblin, che fu incisa in una chiesa di Roma su un vero organo, oltre a basso, batteria, sintetizzatori e “Phenomena” scritta sempre dai Goblin per Dario Argento.
Due i brani proposti del grande Philip Glass, sempre per famose colonne sonore: “Koyaanisqatsi” e l’incipit di “Candyman – L’inferno nello specchio”. Non mancherà un omaggio a “Batman” del compositore Paolo Lazzeri, appassionato di temi neogotici, con la sua toccata per organo basata sul tema portante della fortunata saga cinematografica.

Durante la serata anche musiche di Fryderyk Chopin e Johann Sebastian Bach, naturalmente sempre dalle gotiche sonorità come la Marcia Funebre e la Toccata e Fuga in re minore BWV 565.

ALBERTO SALIMBENI: Forlivese, nato nel 1977, si diploma brillantemente in pianoforte nel 1999 presso il Conservatorio di Cesena, sotto la guida della prof.ssa Isabella Masini. Ha tenuto concerti in veste di solista nonché in formazioni cameristiche con flauto, violino, oboe, corno e duo pianistico a 4 mani in varie città italiane ed estere. Lo studio di repertori musicali anche non classici lo hanno portato a dedicarsi, accanto ai grandi maestri della storia, anche a generi musicali come bossanova, kletzmer, colonne sonore, progressive, e dando spazio a talentuosi compositori viventi e giovani nelle sue esecuzioni.

Ingresso offerta libera, prenotazione consigliata allo 0547.665420/665850