“Gatteo incontra il poeta” tornano gli incontri con gli autori locali

Mercoledì 3 aprile alle ore 21.00 presso la Biblioteca Comunale Ceccarelli di Gatteo riprendono gli incontri gli autori locali, questa volta dedicati alla scoperta dei poeti locali e delle loro raccolte. 
Per questa prima serata Lorenzo Scarponi presenterà la sua raccolta “Gnént” (Pier Giorgio Pazzini Stampatore Editore) e dialogherà con il riminese Fabio Bruschi.

Lorenzo Scarponi, (Bordonchio, 1956), dopo l’esordio di L’ultmi sòul (2009), arriva alla sua espressione matura con E’ mi fiòur (2015), di cui Tullio De Mauro fa un elogio grande: “mi pare di trovare la stessa profondità lirica dei poeti santarcangiolesi”. Anche in quest’ultima raccolta Scarponi tiene in considerazione le lezioni di Raffaello Baldini – al quale rende omaggio con A Dói – e del conterraneo Tonino Guerra con I parghì, gli aratri. 
Con quest’ultima raccolta Scarponi si fa più ruvido e tenta strade nuove. 
Vincitore del premio nazionale “Salva la tua lingua locale” con il libro edito “Gnént”, e del premio nazionale “L’arte in versi” con poesia singola “Senza ‘vdòit”, recentemente ha ricevuto il premio Guido Lucchini per la poesia al teatro Tiberio di Rimini e il premio Panzini a Bellaria Igea Marina per: “Bellaria Igea Marina e la sua storia”, è, inoltre, stato invitato a rappresentare la Romagna nella giornata nazionale del dialetto in una manifestazione tenutasi il 3 febbraio a Falconara.

Fabio Bruschi, riminese, si definisce “un operatore culturale di lungo corso”. È stato a lungo direttore di Riccione Teatro e amministratore del Festival di Santarcangelo. Dal 2013 organizza per il Comune di Rimini la rassegna di teatro e poesia in dialetto “Lingue di confine”. 
Sulla rivista “Il parlar franco” ha curato la sezione monografica dedicata al teatro di Raffaello Baldini.

Programma incontri primavera 2024 
Mercoledì 3 aprile | ore 21.00 
Lorenzo Scarponi presenta “Gnént” (Pier Giorgio Pazzini Stampatore Editore) 
Mercoledì 10 aprile | ore 21.00 
Bruno Bartoletti presenta “Una remota stazione” (Youcanprint)

Ingresso libero 
Per informazioni: Biblioteca 0541 932377