La mattina dell’11 aprile il presidente di Legacoop Romagna e gli autori dell’opera saliranno sul palco della Casa del Cinema per presentare la proiezione

Il cortometraggio di Legacoop Romagna “Il dolore e la forza della cooperazione”, girato nei giorni dell’alluvione di maggio 2023, è stato selezionato tra le opere in concorso nella sezione documentari al premio nazionale “Film Impresa”, in programma alla Casa del Cinema di Roma dal 9 all’11 aprile.  

A giudicare le nomination sarà il premio Oscar Gabriele Salvatores, che nel suo ruolo di presidente di giuria sarà affiancato da numerosi nomi importanti del settore, come l’attrice e dirigente sportiva Cristiana Capotondi, la giornalista, saggista e critica cinematografica Piera Detassis, la produttrice cinematografica Elisabetta Olmi e la regista e sceneggiatrice Maria Sole Tognazzi.

La mattina dell’11 aprile il presidente di Legacoop Romagna, Paolo Lucchi, e gli autori, Emilio Gelosi e Fabio Blaco, saliranno sul palco della Casa del Cinema per presentare la proiezione.

Il programma della manifestazione promossa da Unindustria è stato presentato nei giorni scorsi, in una conferenza stampa alla presenza del presidente del Premio Giampaolo Letta, del direttore artistico Mario Sesti e del presidente di giuria.

Oltre alle quattro aree in concorso, saranno assegnati dei Premi Speciali a personalità che durante la loro carriera hanno saputo raccontare, esplorare o interpretare il mondo del lavoro e dell’impresa. Tra questi il regista e sceneggiatore Ferzan Ozpetek, lo stesso Gabriele Salvatores, la regista e sceneggiatrice Francesca Archibugi, l’imprenditore Renzo Rosso e la cantante e produttrice discografica Caterina Caselli.

Prodotto da Cooperdiem/Treseiuno, “Il dolore e la forza della cooperazione” (6’16”) racconta per sole immagini la catastrofe climatica che ha colpito l’Emilia-Romagna nel maggio del 2023. L’unico brevissimo commento è affidato alla voce di Lino Bacchilega, direttore della cooperativa CAB Terra di Ravenna, protagonista di un gesto rimasto nella storia della città e divenuto simbolo di quei giorni.

«Siamo orgogliosi di questa nomination — dice il presidente di Legacoop Romagna, Paolo Lucchi — e onorati della possibilità di presentare il nostro lavoro di fronte a una giuria e a una platea nazionale così importanti. Vogliamo continuare a tenere accesa la luce su quanto successo in Romagna ormai un anno fa e, grazie alla forza delle immagini, cerchiamo di trasmettere le emozioni di quei giorni a chi non ha vissuto l’alluvione: il dolore, la paura, ma anche la solidarietà di un popolo che ha saputo sostenersi a vicenda, tirandosi su le maniche, come siamo soliti fare in Romagna, perché cooperando si può affrontare e superare ogni sfida»