A marzo la prima proiezione di “Spremuta di most(r)o”

 

  DA MARZO 2018 PRESENTAZIONE A FILMFESTIVAL NAZIONALI  ED INTERNAZIONALI

 

“Sono nato 32 anni fa in una casa colonica del forlivese, circondato da un grande podere dove da piccolo mi divertivo a giocare. Tra le varie colture alla quale la mia famiglia si dedicava, c’erano numerosi vitigni, e proprio l’uva è stata uno dei frutti che mi ha ispirato per la realizzazione del cortometraggio “Spremuta di Most (r) o”.

 

DANIEL MERCATALI

Si sono appena concluse nel forlivese le riprese dello shortmovie “Spremuta di Most(r)o” che vede protagonista Giacomo, interpretato da Tommaso Ugolini il quale nel filmato veste i panni del regista da piccolo. Il film nasce da un’idea di Daniel Mercatali e da suo padre Guido che nel corso dell’estate appena  trascorsa, si trovano a ricordare il loro passato ed in particolare un singolare episodio d’infanzia legato al regista. Il soggetto del film è infatti di natura pressoché autobiografica. Il giovane filmaker ha deciso di affidare la sceneggiatura a Lorenzo Ramerini che ha svolto anche il ruolo di aiuto-regia.

Il filmato ha visto più di una partecipazione straordinaria all’interno del cast, a cominciare dal noto giornalista e critico gastronomo Edoardo Raspelli che ogni domenica va in onda su Canale 5 con lo storico programma Melaverde, e che per l’occasione ha interpretato il ruolo dell’enologo dando libero fasto alle sue profonde conoscenze in materia, Eraldo Turra attore comico, in voga fin dagli anni ’80 con la trasmissione Drive In, il quale ha interpretato il nonno di Giacomo, Gianfranco Boattini architetto-scenografo e attore che ha rappresentato il padre di Giacomo, Loredana Mendicino giornalista e conduttrice TV, che è stata casting director per lo stesso shortmovie e ha interpretato il ruolo della madre di Giacomo, Maura Anastasia attrice e modella pluripremiata con targhe d’argento per il suo impegno in favore degli animali, la quale ha recitato nel ruolo della maestra di Giacomo.

Le riprese iniziate a settembre 2017 concluse a novembre 2017, sono state ambientate nell’entroterra romagnolo e precisamente nei luoghi stessi dove il regista ha trascorso la sua infanzia; l’intento del cortometraggio è stato quello di valorizzare le risorse territoriali. Un filmato che parte da un evento insolito e conduce a un colpo di scena finale.