Foto di repertorio shutterstock

La Vicepresidente Priolo: “Lo avevamo chiesto e l’abbiamo ottenuto grazie al fondamentale lavoro di squadra per la rapida ricognizione dei danni. Ora avanti per definire in tempi celeri il Piano degli interventi”

È di 11milioni 800mila euro il pacchetto di risorse in arrivo per rispondere alle criticità aperte in Emilia-Romagna in seguito all’ondata di maltempo che tra il 23 ottobre e i primi giorni di novembre 2023 ha interessato le province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Ravenna.

Nell’ultima seduta, il Consiglio dei ministri ha deliberato il riconoscimento dello stato di emergenza nazionale e, contestualmente, ha stanziato le risorse per far fronte alle conseguenze degli eventi meteo eccezionali.

“La Regione lo aveva chiesto da subito e lo ha ottenuto: un risultato frutto del grande lavoro di ricognizione preliminare dei danni, immediatamente attivato e concluso in tempi rapidissimi in stretta collaborazione con i territori- commenta Irene Priolo, vicepresidente con delega alla Protezione civile-. Ora siamo già al lavoro per definire, quanto prima, il Piano degli interventi da attuare e quindi arrivare con celerità all’apertura dei cantieri”.