Fonte: Comune di Sogliano

La Sindaca: “Comune e Provincia operano insieme per la manutenzione delle Strade Provinciali”

Grazie ad un accordo virtuoso sottoscritto dalla Provincia di Forlì-Cesena con l’Amministrazione Comunale di Sogliano al Rubicone si stanno realizzando interventi sulla SP79 Santa Maria Riopetra per il valore di 400mila euro. Si tratta dell’ultimo intervento di straordinaria manutenzione stradale realizzato nell’anno corrente con il quale si completano lavori per un importo complessivo di 768 mila Euro sulle strade provinciali soglianesi, sulla SP11 nei tratti da Sogliano capoluogo a Barbotto, sulla SP9 La Ciocca e sulla SP30 Passo del Grillo.

Contestualmente, a causa della terribile alluvione di maggio, si è intervenuti con lavori di somma urgenza sulla SP88 Alto Uso in corrispondenza di Montetiffi per ripristinare il collegamento a seguito del collasso della strada con un investimento di 400 mila Euro e il ripristino del cedimento della carreggiata sulla SP30 in località Vignola.

Inoltre ricordiamo che nei primi mesi dell’anno sono stati completati l’intervento di consolidamento di una scarpata sulla SP11 in località Curto e l’importante lavoro di ristrutturazione del Ponte della Ciocca che ha superato Un Milione di Euro.

“Nonostante l’alluvione ci abbia messo in difficoltà”, commenta la Sindaca Tania Bocchini, “stiamo rispettando i piani di manutenzione ordinaria programmati e con questo intervento completiamo i numerosi cantieri messi in atto nel 2023 sulla viabilità provinciale a Sogliano al Rubicone. La montagna ha la necessità di rafforzare le opere di asfaltatura e manutenzione su queste strade che rappresentano il principale collegamento alla pianura, per questo abbiamo deciso di investire insieme alla Provincia ben 768 mila Euro sulle nostre strade provinciali.Il Comune ha contribuito con uno stanziamento di 150 mila euro nel 2023 e 150 mila euro nel 2024. Il prossimo anno sono in previsione lavori sulla SP139 Montepetra e sulla SP13 Ponte Uso che è un importante collegamento alla vallata del Marecchia”.