Daniel Giulianini

Tantissimi applausi per l’artista premiato in prestigiosi concorsi

Il noto basso Daniel Giulianini, oramai patrimonio mondiale dell’opera, dopo 35 anni è il primo italiano a sbarcare nel Regno Unito. 

Diretto da Claire Levacher e con la regia di John Doyle, riscuote un immenso successo con l’opera “La figlia del reggimento” e conquista il pubblico del Regno Unito. 

Il cantante è noto nell’ambiente Arma per aver, grazie all’amicizia con il Vice Comandante della Legione Carabinieri, Col. Coppolino, cantato in Forlì per la festa dei 150 anni dell’Unita d’Italia organizzata in piazza a Forlì.

Daniel Giulianini è nato nel 1987 e si è diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena. Ha poi frequentato la Scuola dell’Opera del Teatro Comunale di Bologna, e più recentemente ha proseguito gli studi sotto la guida di Guglielmo Matteuzzi, Franco Fussi e Carlo Meliciani.

Daniel ha iniziato la sua stagione 2021/2022 con una Messa di Schubert n. 2, D. 167 in sol maggiore al Teatro Petruzelli di Bari, seguito da esibizioni nel ruolo di Masetto nel Don Giovanni all’Opéra de Toulon.

La stagione 2020/2021 lo ha visto interpretare il ruolo di Marchese ne La Traviata alla Fondazione Maggio Musicale Fiorentino, seguito dal debutto come Samuel in Un Ballo in Maschera al Teatro Real de Madrid; ha anche interpretato il ruolo di Pirro ne I Lombardi all’Opéra di Monte-Carlo. Nell’agosto 2021 Daniel è apparso sul canale televisivo italiano Rai 1, dove ha condiviso la straordinaria storia della sua vita e carriera e ha eseguito la canzone “Mamma” .

Gli impegni del 2019 includono Moralès/ Carmen e Marchese d’Obigny/ La Traviata al Festival dell’Opera dell’Arena di Verona; Don Basilio/ Il Barbiere di Siviglia al Teatro Petruzelli di Bari; Deputati fiamminghi/ Don Carlo all’Opéra National de Paris; Stabat Mater al Teatro Massimo Bellini, Catania.

Gli impegni passati negli ultimi anni includono Masetto/ Don Giovanni all’Opéra de Nice, a Ravenna e con l’Opera di Tel Aviv diretta da Daniel Oren, Banco in Macbeth a Ravenna e successivamente in tournée con il Ravenna Festival a Savonlinna; Figaro ne Le nozze di Figaro al Festival dei Due Mondi di Spoleto (direttore di James Conlon e regia di Giorgio Ferrara) e nei teatri di Como, Cremona, Pavia e Brescia; Don Giovanni (Masetto) con il Festival di Spoleto (direttore di James Conlon) e al Teatro Coccia di Novara e Don Carlos con l’Opéra de Paris.

Daniel Giulianini ha debuttato sul palcoscenico nel 2009 come Morales in Carmen a Lugo (Italia) e come Haly ne L’Italiana in Algeri al Teatro Municipale di Piacenza. Seguono importanti impegni: La traviata e una serie di concerti ad Abu Dhabi; Monterone in Rigoletto con la regia di Cristina Muti a Piacenza, Dubai, Bahrain.

Il basso ha debuttato nel ruolo di Dulcamara ne L’elisir d’amore a Piacenza e al Teatro Dante Alighieri di Ravenna diretto da Leo Nucci. Ha inoltre interpretato Schaunard/ La bohèmea Ravenna, Vilnius e Novara e successivamente a Lucca, Padova e Piacenza. Ha preso parte ad alcuni concerti con il Salisburgo Young Singers Project presso il Teatro Bolshoi Accademia Statale di Mosca e Como, oltre ad un Concerto di Gala al Teatro Regio di Parma.

Daniel Giulianini è stato premiato in importanti Concorsi come “Etta Limiti” (2012) e As.Li.Co (2015).