Fonte: Comune di Cesena

La prima parte dei lavori sarà eseguita nel corso del periodo estivo

A seguito del completamento dei lavori di restauro, il teatro cittadino “Alessandro Bonci” sarà presto interessato da un secondo intervento strutturale di primaria importanza. È stato infatti approvato dalla Giunta il progetto preliminare di riqualificazione del Ridotto del teatro, che corrisponde a un investimento complessivo di 560 mila euro.

Il Ridotto nel tempo ha ospitato concerti, conferenze, piccoli spettacoli. Nelle sale laterali, hanno svolto la loro attività le scuole di musica cesenati: prima l’Istituto musicale “Corelli” e poi, dal 1970 al 1992, il Conservatorio “Maderna”. In occasione del restauro del “Bonci”, concluso nel 1996, una parte dei locali di servizio è stata inglobata nel Teatro. La parte restante, per un’estensione complessiva di circa 500 metri quadrati, comprendente il salone e altre sale adiacenti, è stata utilizzata come sede degli uffici dell’Urbanistica. I prossimi lavori contribuiranno a restituire al Ridotto la sua vocazione culturale e a inserirlo nuovamente tra i luoghi culturali della città.

“Il nostro obiettivo – commenta l’Assessore ai Lavori Pubblici Christian Castorri – è di destinare il Ridotto allo svolgimento di attività culturali e di laboratori teatrali proposti dalle Associazioni locali, rendendolo però sicuro, accessibile e attrezzato al bisogno. Occorre restituire alla città questo ampio spazio che storicamente ha contribuito ad accrescere la proposta cultura cesenate. L’intervento più consistente – prosegue l’Assessore – riguarderà i solai delle sale principali, circa una dozzina. Procederemo dunque con la rimozione dell’attuale pavimentazione in cotto e del relativo massetto; con la sostituzione del sottostante tavolato con un doppio tavolato collaborante connesso direttamente alle travi portanti. Questi ed altri interventi, che contribuiranno inoltre ad accrescere la capienza, saranno realizzati nel momento in cui i vani del Teatro sottostanti il Ridotto saranno completamente inaccessibili a terzi (personale del teatro, pubblico, altre maestranze). Per questa ragione, al fine di realizzare gli interventi entro ottobre 2022, per l’avvio del calendario autunnale, la prima fase dei lavori sarà eseguita durante il periodo estivo, quando la programmazione teatrale è sospesa. Successivamente, si procederà con altri lavori, meno invasivi”.

Il Ridotto, che ha una superficie complessiva di circa 615 metri quadrati, si articola in un vano scale a doppia altezza che costituisce il punto di accesso dall’esterno, aprendosi su piazza Guidazzi, al di sotto del portico del Teatro; tredici stanze di altezza variabile da 5 a 10 metri, che costituiscono le sale del piano primo. A questi vani si aggiungono altri ambienti di dimensioni minori posti a differenti livelli rispetto a quello delle sale: la terrazza, la galleria est e la galleria ovest che si affacciano sul salone principale; le due scale di servizio, che distribuiscono gli ambienti minori; i bagni, ai quali si accede da un pianerottolo intermedio dello scalone principale; altri vani di servizio (vano sotto lo scalone). Infine due terrazze, sono poste ai lati della facciata principale, sono gli spazi scoperti che completano la dotazione del Ridotto.