Fonte: Polizia di Stato

Il servizio, nel suo complesso, ha visto la partecipazione di ventuno pattuglie che hanno controllato 220 persone e 132 veicoli

Nell’ambito dell’attività di controllo del territorio svolta nel Comune di Forlì dalla Polizia di Stato, le Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, con il concorso dei Reparti Prevenzione Crimine di Bologna, della Polizia Stradale e della Polizia Locale, hanno svolto un vasto servizio coordinato scandagliando le zone del centro e della periferia cittadina, secondo l’ormai consolidato schema diretto alla prevenzione e repressione dei reati predatori e della microcriminalità in genere, come disposto dal Questore Lucio Aprile.

Attraverso la realizzazione di posti di controllo in punti strategici della città e interventi mirati di iniziativa o su segnalazione della cittadinanza, sono state individuate sette persone nei cui confronti, a vario titolo, sono emersi rilievi di natura penale.

Nel dettaglio, un 29enne della Guinea, senza documenti al seguito, è stato denunciato per avere reso false attestazioni sull’identità personale e per violazione della normativa sull’immigrazione. Un cittadino albanese di 28 anni, non regolare sul territorio italiano, è stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione con denuncia alla magistratura. Due stranieri dell’est Europa, di 38 e 29 anni, residenti in città, sono stati identificati quali autori di un tentato furto di bicilette avvenuto all’interno di un’area condominiale. Un italiano di 28 anni, agli arresti domiciliari, è stato accusato di oltraggio e minaccia a Pubblico Ufficiale, avvenuto a seguito di un controllo presso la sua abitazione. Un pregiudicato locale di 47 anni si è reso responsabile del reato di evasione, per non avere rispettato i limiti e le prescrizioni imposte dalla magistratura. Un minorenne residente in città è stato denunciato per porto di strumenti atti ad offendere, poiché a seguito di un intervento per lite aveva dentro allo zaino un martelletto frangi vetri del quale non ha saputo giustificare il legittimo possesso. Il servizio, nel suo complesso, ha visto la partecipazione di ventuno pattuglie che hanno controllato 220 persone e 132 veicoli.