Foto di repertorio shutterstock

Le azioni effettuate

Notifica di decadenza dall’alloggio a un inquilino per comportamento aggressivo

“Un provvedimento doveroso che garantisce più sicurezza, migliore qualità della convivenza e sostegno alle realtà più fragili” dichiarano il Vicesindaco Daniele Mezzacapo e l’Assessore Rosaria Tassinari. 

“Abbiamo messo in campo il progetto Case Sicure sulla residenzialità negli alloggi di edilizia popolare per garantire maggior sicurezza ai cittadini, migliore qualità della convivenza e rispetto delle persone e delle cose” sottolineano in modo congiunto il Vicesindaco Daniele Mezzacapo e l’Assessore al Welfare Rosaria Tassinari nel dare notizia del provvedimento di apertura del procedimento per decadenza di un inquilino a causa del comportamento aggressivo tenuto nei confronti di condomini e cittadini, per danneggiamento dei beni, morosità recidiva e presenza stabile nel proprio alloggio di persone estranee.

“Si tratta di un provvedimento doveroso, impegnativo e che risponde a valori di giustizia sociale oltre che di rispetto della legalità” spiega l’Avvocato Mezzacapo che nella Giunta comunale segue la delega alla sicurezza. Vogliamo rendere chiaro che le residenze di edilizia popolare sono un bene comune, che servono a tutti i cittadini che ne hanno diritto, che presuppongono canoni calmierati da onorare con serietà e nelle quali le persone devono poter vivere al riparo da prepotenze, minacce e paure”.

L’Assessore al Welfare Rosaria Tassinari pone invece l’attenzione sul tema della coesione e della qualità del vivere. “La decisione assunta dall’Amministrazione comunale è conseguente a puntuali e specifiche segnalazioni e denunce da parte delle forze di polizia locale. La nostra linea è, e sarà sempre, importata al massimo rigore contro comportamenti aggressivi con le persone, lesivi dei beni e inottemperanti dei patti. Ciò, mi preme evidenziarlo, è esattamente coerente con il grande impegno che stiamo portando avanti di sostegno, aiuto e anche affiancamento alle realtà familiari e sociali con maggior fragilità alle quali dedichiamo molta attenzione e che, in casi come questo, riteniamo di dover mettere nelle condizioni di vivere senza alcun timore”. Da un punto di vista normativo, il procedimento di decadenza dell’inquilino è stato avviato con la notifica del provvedimento e proseguirà rispettando i passaggi della normativa vigente per giungere alla piena restituzione dell’alloggio.

Allontanati gruppi di persone che dimoravano illegalmente in garage ed aree comuni

“Proprio in queste ore – spiega il Vicesindaco Daniele Mezzacapo – sono state effettuate altre due azioni di particolare rilievo. A seguito di segnalazioni, infatti, è stato eseguito un intervento che ha portato all’identificazione e all’allontanamento di alcune persone straniere che avevano preso dimora impropriamente presso un garage di via Locchi. Identificate e allontanate pure altre persone che in modo precario avevano preso alloggio in un locale comune di un edificio di via Casadei”. 

Questi  interventi, promosso e seguiti con grande attenzione dal Vicesindaco Mezzacapo e dell’Assessore al Welfare Rosaria Tassinari, testimoniano l’efficacia del progetto e l’apprezzamento che sta suscitando nei cittadini. “Abbiamo sempre a mente il dovere di favorire coesione sociale e civile convivenza – rimarca l’Assessore Tassinari – e in questa chiave alimentiamo le forme di collaborazione tenendo aperto un filo diretto con i residenti, la cui attenzione è rivolta alla richiesta di far rispettare le regole e di aver garanzia di non essere vittima di soprusi e atteggiamenti intimidatori. In questo caso gli interventi sono avvenuti nell’arco di pochissime ore. La tempestività è fondamentale per sicurezza e rispetto delle regole”.

Sul progetto, Mezzacapo e Tassinari rimarcano gli obiettivi condivisi: “Case Sicure cresce operativamente grazie al monitoraggio, ai controlli e alle verifiche della regolarità dei domicili e dei permessi, interventi che, inseriti in un orizzonte di sicurezza e legalità, vengono attuati nell’interesse generale ed in difesa dei diritti di tutti i cittadini”.