(Dalbo Andrea/Shutterstock.com)

E’ scomparsa nel pomeriggio di oggi, all’età di 78 anni

Raffaella Maria Roberta Pelloni, questo il suo nome all’anagrafe, era nata a Bologna il 18 giugno 1943. Cresciuta in Romagna, a 8 anni si trasferisce a Roma per frequentare l’Accademia Nazionale di Danza. Tenta la via del cinema e si iscrive al Centro sperimentale di cinematografia. Nel 1960 conquista una piccola parte ne “La lunga notte del ’43” di Florestano Vancini, qualche anno dopo gira “I Compagni” e poi “Celestina” con Carlo Lizzani. Infine l’esperienza americana fra cui si ricorda il suo ruolo con Frank Sinatra in “Il colonnello Von Ryan”.

Nel 1969 inizia la sua inarrestabile ascesa. Con “Canzonissima” insieme a Corrado raggiunge la popolarità. Il celebre “Tuca Tuca” la consacra come ospite fissa nelle case degli italiani. E poi arrivano “Ma che musica maestro”, “A far l’amore comincia tu” e “Fiesta”. Negli anni 80 è protagonista a “Fantastico” con Corrado, Gigi Sabani e Renato Zero (la sua sigla di apertura “Ballo ballo” raccoglie una media di 25 milioni di spettatori a puntata).

Arriva poi “Pronto, Raffaella?” con il gioco in cui la showgirl-conduttrice chiedeva agli spettatori di indovinare il numero dei fagioli all’interno di un contenitore. Segue negli anni Novanta “Carramba! Che sorpresa”, inventato insieme a Sergio Japino, in cui si coinvolgevano in diretta gli ospiti e il pubblico in sala in incontri inaspettati con persone che non vedevano da tempo.

Icona della tv, la Carrà, che è stata ballerina, showgirl, conduttrice, cantante e attrice, è scomparsa oggi pomeriggio dopo una malattia che aveva tenuto nascosta al suo pubblico di fans. A dare l’annuncio della sua morte è stato Japino, a lungo suo compagno di vita: “Raffaella ci ha lasciati. E’ andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre”.

Il cordoglio del presidente della Regione, Stefano Bonaccini

“E’ un grande, grande dolore. Si fa fatica a credere che Raffaella Carrà non ci sia più. Sempre sorridente, amatissima dal pubblico, un talento che faceva di lei una grande artista: ballerina, cantante, attrice, conduttrice televisiva, autrice. In assoluto, fra coloro che hanno fatto la storia della televisione italiana. Ma soprattutto un modo di fare spettacolo che la portava a essere amica di tutte le italiane e gli italiani. Nata a Bologna e cresciuta a Bellaria-Igea Marina, conosciuta in tutto il mondo, portava con sé la nostra terra. Lascia davvero un vuoto enorme. A nome mio personale e di tutta la comunità emiliano-romagnola, mi stringo ai familiari, ai suoi cari, ai suoi collaboratori e collaboratrici, ai quali vanno le più sincere condoglianze” – ha commentato il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, appresa la triste notizia.