Foto di repertorio

Nelle scorse settimane gli agenti avevano fatto affiggere manifesti che invitavano la rimozione ai proprietari. I veicoli però sono rimasti nella stessa posizione e quindi rimossi

Martedì pomeriggio la Polizia Locale di Forlì ha rimosso una decina di biciclette prive di elementi essenziali (sellino, manubri, ruote, pedali) e abbandonate da tempo nei pressi della Stazione Ferroviaria di Forlì. Nelle scorse settimane gli agenti avevano fatto affiggere manifesti che invitavano la rimozione ai proprietari. I veicoli però sono rimasti nella stessa posizione e quindi rimossi. È vietato da regolamento di polizia urbana, infatti, agganciare le biciclette a monumenti e loro barriere di protezione, a semafori, colonne, impianti di segnaletica stradale e di arredo urbano (pali della illuminazione, alberi, impianti delle affissioni).

È vietato, altresì, lasciare in sosta i velocipedi in modo tale da arrecare intralcio alla circolazione pedonale e veicolare, o possano costituire pericolo o pregiudicare il decoro urbano. I velocipedi/rottami non reclamati dai proprietari, saranno invece prelevati e destinati alle finalità sociali previste dal recente accordo tra l’Amministrazione Comunale ed un gruppo di Associazioni cittadine tramite il progetto denominato “Maglia Rosa” che prevede la rigenerazione e il riuso dei velocipedi.