Foto di repertorio shutterstock

Considerato l’elevato numero di persone candidate, l’adesione mediante la registrazione online è necessaria per facilitare l’accesso e per ottimizzare l’organizzazione del lavoro dei medici

Partita oggi la registrazione per la vaccinazione della fascia 50-54 anni che alle 11 di questa mattina, attraverso il portale regionale, aveva già raggiunto 5.726 iscrizioni. L’Ausl Romagna invita i cittadini, appartenenti a questa fascia di età a privilegiare l’utilizzo della piattaforma regionale dedicata (clicca qui) rispetto alle telefonate, per non appesantire l’attività degli studi medici. Considerato il numero elevato di persone candidate alla vaccinazione, l’adesione mediante la registrazione online è infatti necessaria per facilitare l’accesso e allo stesso tempo per ottimizzare l’organizzazione del lavoro dei medici.

Vaccinazioni ai conviventi di soggetto estremamente vulnerabile in condizione di immunodepressione

I conviventi di soggetti estremamente vulnerabili in condizione di immunodepressione possono chiedere di essere vaccinati.

Per prenotarsi occorre presentare un’autocertificazione che attesti il proprio stato di convivente e la patologia del soggetto che attesti la condizione di appartenenza alla categoria di “estremamente vulnerabile” in condizione di immunodepressione. Il modulo dell’autocertificazione contenente anche l’elenco delle patologie è scaricabile dal sito di Ausl Romagna a questo link.

L’autocertificazione deve essere compilata e firmata e, unitamente alla copia di un proprio documento di riconoscimento in corso di validità, deve essere mostrata in fase di prenotazione e poi consegnata il giorno dell’appuntamento agli operatori del punto vaccinale.

La prenotazione può essere effettuata attraverso i canali di Cup, Farmacup e Cuptel. Nel caso la prenotazione venga effettuata attraverso il Cuptel, il modulo di autocertificazione, debitamente compilato e firmato dovrà essere consegnato direttamente al punto vaccinale, lo stesso giorno dell’appuntamento della seduta vaccinale