foto di repertorio shutterstock

L’intervento delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura è avvenuto mercoledì notte

La Polizia di Stato ha denunciato un 26enne cittadino marocchino, residente nel comprensorio, per violenza, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale e violazione della legge sull’immigrazione. Nella medesima circostanza, lo stesso è stato segnalato quale assuntore di stupefacenti poiché trovato in possesso di modico quantitativo di hascisc. Inoltre, lui e gli altri quattro giovani con i quali si accompagnava sono stati sanzionati per le violazioni amministrative relative alla normativa diretta al contrasto della diffusione della pandemia Covid-19 e lo stato di manifesta ubriachezza (per un totale di 502 euro ciascuno).

L’intervento delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura è avvenuto mercoledì notte in prossimità dei Musei San Domenico. La Polizia è stata richiesta da alcuni residenti, che poco dopo la mezzanotte hanno segnalato la presenza di un gruppo di persone che stava disturbando con grida e schiamazzi, aggiungendo che taluni sembrava stessero rincorrendosi per picchiarsi. All’arrivo dei Poliziotti il 26enne gli si è scagliato contro, colpendoli con calci e pugni, cercando di fuggire e, non riuscendoci, compiendo atti di autolesionismo sbattendo con la testa contro veicoli in sosta, fortunatamente non causando danni. È stato necessario l’intervento di una ambulanza per trasportarlo in ospedale poiché era del tutto fuori di sé e impossibile riportarlo alla ragione. Solo al mattino la Polizia è riuscita a identificarlo, in quanto per tutta la notte, anche dentro il Pronto Soccorso, ha rifiutato di fornire le generalità perseverando nei comportamenti aggressivi verso poliziotti e operatori sanitari, tant’è che per contenerlo è stato costretto sopra un lettino con le fasce per evitare che potesse auto lesionarsi e colpire chiunque gli passasse accanto.

Sia lui, sia gli altri quattro, sono stati sanzionati poiché si trovavano al di fuori della loro abitazione in orario non consentito dalla normativa anti-covid, e a tutti quanti è stata contestata l’ubriachezza in luogo pubblico, che ha comportato l’applicazione dell’ordine di allontanamento dal luogo in cui i fatti si sono verificati, in applicazione della normativa sulla sicurezza urbana prevista nel cd. “decreto Minniti” del 2017. Il 26enne marocchino è stato anche segnalato alla Prefettura quale assuntore di stupefacenti poiché deteneva un modico quantitativo di hascisc.