Fausto Gresini nel GP del Giappone 1992 (Foto Rikita/Wikipedia)

La tragica notizia è stata data dal suo Team

Fausto Gresini non ce l’ha fatta. Dopo due mesi di lotta contro il Covid l’ex pilota e manager di motociclismo è morto oggi, martedì 23 febbraio, a 60 anni appena compiuti. Era ricoverato all’ospedale Maggiore di Bologna.

A comunicarlo è stato il suo stesso Team: “La notizia che non avremmo mai voluto darvi e che siamo costretti a scrivere. Dopo due mesi di lotta al Covid, Fausto Gresini ci lascia con 60 anni appena compiuti, Ciao Fausto”.

Proprio nella serata di ieri, si era diffusa una falsa notizia a proposito della morte di Gresini, che era stata smentita proprio dal suo Team e dal figlio, ma oggi purtroppo non si tratta più di fake news. Tanti i messaggi di cordoglio che stanno riempiendo i social, sia da parte di cittadini che di personaggi pubblici, dello sport e non solo, dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, a Carmelo Ezpeleta, Ceo di Dorna Sports, società che organizza il motomondiale.

La nota di cordoglio del presidente Bonaccini: “Vicino alla famiglia. Se ne è andato un grande campione, figlio di questa terra”

“Se ne è andato un grande campione, portato via da una malattia feroce che sta provocando tanti dolori e lutti. Sono vicino alla famiglia cui porgo, anche a nome della Giunta regionale, le mie più sincere condoglianze. Gresini ha incarnato alcune delle caratteristiche più vere di questa terra che ama i motori. Lo ricorderemo per l’umanità e lo spirito autenticamente  agonistico, l’impegno e la tenacia con cui negli anni ha saputo coltivare questa passione, sia in prima persona, come pilota vincitore di titoli mondiali, sia come manager sportivo con la decisione di fondare un proprio team, il Gresini Racing, sotto le cui insegne hanno corso altri grandi campioni tra i quali Marco Melandri e Marco Simoncelli”.