Foto di repertorio shutterstock

L’adeguamento è effettuato in relazione alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, verificatesi nel biennio precedente

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 30 gennaio 2021, il Decreto del ministero della Giustizia del 23 luglio 2020 di adeguamento dei limiti di reddito per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato.

Nel provvedimento, viene disposto che l’importo indicato nell’articolo 76, comma 1, del Testo unico delle disposizioni in materia di spese di giustizia (DPR n. 115/2002) che fissa le condizioni reddituali per l’ammissione al gratuito patrocinio, è aggiornato ad euro 11.746,68.

Potrà, quindi, essere ammesso al patrocinio il titolare di un reddito imponibile ai fini dell’imposta personale sul reddito, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a questo importo.

L’adeguamento è effettuato, ai sensi dell’art. 77 del menzionato TU, ogni due anni, in relazione alla variazione, accertata dall’Istituto nazionale di statistica, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, verificatesi nel biennio precedente.

In tale ultimo biennio, è risultata una variazione in aumento dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati pari allo 0,022. Da qui il nuovo importo.

Il precedente adeguamento si era avuto nel 2018.

Allegato: